Tutto il mondo è Siria

Tutto il mondo è Siria. Perché dico questo? Ormai ovunque regna la paura dopo gli attentati a Bruxelles e precedentemente a Parigi, città dell’amore.
Bene, certamente va trovata una soluzione, ma qui casca l’asino. Infatti questo è terreno fertile per i movimenti xenofobi dell’ultradestra, con i quali si finisce nel razzismo e nell’irrazionalità nei confronti dei musulmani, inneggiando alla loro cacciata dall’Europa o addirittura al linciaggio. Non appoggio il terrorismo, ma la destra fa di tutta l’erba un fascio, dimenticandosi che esistono anche musulmani per bene, e non è vero che ogni musulmano si farebbe saltare in aria. Vi è un bene ed un male in qualsiasi cosa, ad esempio un buon musulmano fu Malcom X ed un pessimo musulmano fu Osama Bin Laden, un buon cristiano fu Papa Wojtyla, un pessimo cristiano fu Joseph Goebbles. Dobbiamo imparare a riconoscere i singoli casi, senza generalizzare. Dobbiamo essere razionali e obiettivi,pregi che mancano all’attuale estrema destra
Una cosa che odio è come i media influiscano sul nostro modo di pensare, indirizzandoci a creare inutili hashtag che non fermeranno mai l’Isis come #prayforbelgium, noi della pagina siamo sconvolti da tutto questo male nel mondo, ma ci da fastidio come non si parli mai di cosa sta succedendo in Siria, dove i veri terroristi siamo noi che vendiamo le armi (ricordo che l’Italia ha il primato mondiale nella vendita delle mine antiuomo), che spengono migliaia di vite umane ogni giorno. Ma l’opinione pubblica mondiale tace. Oppure non si parla mai di come i palestinesi siano ancora martoriati dagli israeliani dal 1946.
Intanto sono luoghi lontani da noi, ciò che interessa a noi occidentali sono storicamente solo gli avvenimenti geograficamente più vicini, quelli meglio commercializzabili, nevvero? O che possano influenzare gli andamenti economici internazionali giusto? In questi tempi, dove il potere economico sovrasta il potere sociale, questi comportamenti ipocriti e egoistici sono l’esempio pratico dell’analisi della società di Hobbes : mors tua vita mea, la tua morte è la mia vita. Quindi smettiamola con questi comportamenti aberranti ed alziamo la testa, apriamo gli occhi e proviamo a pensare differentemente. E diciamo basta a queste guerre, diciamo bast al populismo ed alle generalizzazioni. Qualcuno la dovrà pagare, i creatori di mostri dovranno pagare, i venduti al vil denaro dovranno pagare per tutto questo! Ai cari amici dell’estrema destra vorrei dire questo: invece di prendersela col mezzo (i migranti), perché non se la prendono con l’agente? Con i creatori dei mostri,con chi ha creato tutto ciò?
La Siria è sotto casa nostra,basta queste indifferenze di parte! -Compagni Elia e Matteo

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.