Sul pensiero di Hayek – risposta all’IstLib

— Bollettino Culturale

Hayek assume una versione forte della razionalità che possiamo dividere in tre affermazioni: (1) agire razionalmente significa farlo cercando di massimizzare il raggiungimento dei nostri obiettivi, (2) gli agenti economici nel mercato agiscono razionalmente, quindi (3) comportarsi irrazionalmente è violare le regole del mercato.

Pertanto, ogni profonda rivoluzione strutturale è irrazionale, perché mira a cambiare radicalmente la società in cui il mercato è il luogo supremo della razionalità. Tuttavia, secondo Hayek, la caratteristica dell’essere umano non è di essere razionale, ma di essere sociale. Siamo esseri che hanno bisogno dei propri simili per sopravvivere. Diventiamo razionali, in un lungo processo di selezione storica attraverso il quale arriviamo all’attuale società di mercato. Tale razionalità è, quindi, il risultato di uno sviluppo che porta a un sistema di divisione del lavoro che richiede, per il suo miglior funzionamento, un’attività guidata dal tentativo di massimizzare il raggiungimento dei propri obiettivi.
Ecco perché per Hayek il mercato diventa il luogo della razionalità strumentale.

Un tale ordine di mercato non è relativo a nessun ordine superiore a se stesso. È l’ultimo sistema di riferimento: è davvero il sistema di riferimento. È, quindi, l’Ordine Assoluto, con la sua moralità specifica, che è anche “ultima” proprio come lo è la sua razionalità specifica. In altre parole, non esiste una teoria della razionalità che vada oltre la teoria del mercato. Se qualcuno è ancora alla ricerca di fondamentalismi assolutisti oggi, ecco un macro-esempio a portata di mano.

«Preferisco una dittatura liberale a un’assenza di liberalismo in un governo democratico» Friedrich von Hayek, per El Mercurio, giornal

Pertanto, da un lato, la razionalità di ciascun individuo è stimata in termini di adeguatezza alla razionalità del mercato. L’atto supremo dell’irrazionalità è discutere tale razionalità del mercato o cercare di cambiare le regole del mercato. D’altra parte, si deve ricordare che un simile Ordine di mercato è arrivato a seguito di un lungo processo di selezione, in cui tale ordine è legittimato per essere sopravvissuto ai cambiamenti che stavano avvenendo nell’organizzazione sociale umana.
Vi è quindi, in Hayek, una difesa della società capitalista di mercato che non si appella solo a una versione di razionalità strumentale (cambiarla sarebbe un supremo atto di irrazionalità) ma anche alla sua legittimazione con un argomento naturalistico-spenceriano. Per entrambi i motivi, la società capitalista di mercato costituisce la fine della storia.

Tale argomentazione soffre, da un lato, di tutte le carenze di una teoria meramente strumentale della razionalità, con i suoi gravi limiti. D’altra parte, è curioso come l’evoluzionismo a cui si fa appello sia fermato e violato quando conviene. In una vera posizione evoluzionista, non esiste alcun caso che possa rivendicare il diritto di essere l’ultimo. Un argomento evoluzionista giustifica al massimo da dove è arrivato, ma non è sufficiente postularlo come definitivo. È insufficiente in questo senso e spiega perché, nel caso di Hayek, è integrato dall’argomento basato sulla suprema razionalità del mercato.

C’è anche, nella proposta di Hayek, un appello a una certa forma di fallacia naturalistica. La società di mercato, così come esiste oggi, è il risultato di un lungo processo di selezione. Questo spiega solo una parte della questione: la forma strutturale adottata dalla società oggi. Ma ciò non è sufficiente per giustificare che tale razionalità e moralità debbano essere accettate (una questione di legge). Precisamente, quando si postula una questione di fatto come una questione di diritto, quest’ultima è naturalizzata, è concepita come una questione di fatto naturale, quando in verità non lo è (fallacia naturalistica). Inoltre, nell’argomentazione evoluzionista di Hayek, il successo raggiunto evolutivamente rende inevitabili sia il mercato che la sua moralità. Questa è anche una profonda violazione di un vero evoluzionismo, dove al posto della necessità e dell’inevitabilità domina la contingenza.

C’è di più: lo sviluppo “naturale” delle società ci ha portato, secondo Hayek, l’ordine della libertà, manifestato il più possibile sul mercato senza interferenze, che ci ha permesso un maggiore progresso economico e progresso sociale. Presumibilmente ci troviamo in una situazione che ci consente di essere migliori rispetto a qualsiasi altro ordine alternativo. Di conseguenza, se vogliamo cambiare l’ordine della società del libero mercato, ci allontaniamo non solo dal luogo della razionalità ma anche dalla libertà, un ordine, ripetiamo, raggiunto attraverso un lungo e arduo processo di selezione. Ciò sottolinea che sarebbe innaturale cercare o proporre un ordine alternativo.
La società capitalista di mercato è quindi definitiva, e come tale, secondo Hayek, è quella che ci consente il massimo accesso al benessere, perché l’ordine della libertà è, secondo lui, intrinsecamente buono. Resta solo da espandere un tale ordine. Non c’è da stupirsi, quindi, che anticipa che la storia, in futuro, consisterà nell’avvicinarsi sempre più vicino a tale benessere. In altre parole, la storia in futuro consisterà nella graduale ed inevitabile espansione del capitalismo di mercato. In tutto questo, c’è molto di più della fine della storia. La storia, così concepita da Hayek, annuncia la fine di tutte le utopie, poiché non c’è posto, sotto pena di irrazionalismo e antinaturalismo, per nient’altro. Non sorprende che, dopo aver ricevuto il premio Nobel, Hayek affermò che alterare un simile ordine di mercato con la promessa di portare il paradiso sulla Terra non sarebbe altro che l’avvento dell’Inferno. Non dobbiamo dimenticare che, per Hayek, questo inferno non era nemmeno la società comunista di Marx o qualche altra forma di socialismo, ma fondamentalmente un mondo economico-politico keynesiano, in cui si pretende, come parte della responsabilità sociale, il raggiungimento della giustizia sociale.

Nessuno come Hayek ha fatto una critica così feroce alla pretesa della giustizia sociale, un concetto che per lui è privo di significato, che si verifica perché non rientra nel quadro concettuale che considera pertinente per affrontare i fatti economici. Per ragioni di brevità, ci limiteremo a considerare tre linee argomentative sulla ragione di un’affermazione così estrema.
La prima si basa sull’affermazione sempre ripetuta dell’impossibilità della conoscenza totale. Dal momento che non possiamo avere tutte le informazioni pertinenti per un’equa redistribuzione, non possiamo farlo senza fare errori che generano nuove disuguaglianze. Questo argomento è molto debole perché fa appello all’errore del falso dilemma del tutto o niente. Dal momento che non possiamo essere totalmente precisi, siamo condannati a non essere in grado di fare nulla in modo efficace. Inoltre, non è necessario conoscere appieno tutte le variabili, ma quelle pertinenti, rilevanti ed adeguate.

La seconda argomentazione si basa sul fatto che la società libera è il risultato di un processo evolutivo e, quindi, i risultati di tale processo non sono né equi né ingiusti. Ma è proprio un tale carattere evolutivo di sviluppo che porta a una società di mercato che deve essere messa in discussione. E Darwin sarebbe in prima linea nella lunga fila di coloro che non sono d’accordo, perché per lui la struttura del processo di sviluppo delle specie non è trasferibile allo sviluppo delle società umane.
Il terzo approccio argomentativo di Hayek, riguarda la tensione tra libertà e giustizia sociale. Per distribuire equamente, alcuni devono essere costretti in modo che altri abbiano maggiori benefici e tale coercizione minaccia irreparabilmente la libertà degli individui. Vale la pena chiedersi perché costringe necessariamente? E di quale libertà stiamo parlando? Ovviamente, della libertà negativa intesa come non-interferenza, ma questo deve essere valutato rispetto al diritto alla libertà positiva che tutti noi abbiamo, qualcosa negato dall’ingiustizia sociale. Inoltre, sarebbe una coercizione per uno la cui eticità è costituita esclusivamente da un insaziabile egoismo, uno che Hayek considera parte della nostra umanità.

È quindi la visione ontologica ed etica molto stretta di Hayek dell’essere umano, che sta alla base della sua argomentazione come premessa nascosta. Ed è questa concezione dell’essere umano che è inaccettabile, svuotando l’argomento di ogni validità.

Il carattere di gioco che per Hayek ha mercato, enfatizza il suo approccio argomentativo. Se il mercato è un gioco, ci sono sempre vincitori e perdenti, da cui l’inevitabile presenza di disuguaglianze come risultato del funzionamento del mercato. Ma non c’è nulla di ingiusto in questo, perché non ha senso ritenere il gioco responsabile. Ergo: nessuno è in definitiva responsabile della povertà e delle disuguaglianze. Vale la pena chiedere, in questo caso, se tutti coloro che vivono in una società di mercato vi partecipano liberamente e volontariamente, a cui è possibile aggiungere, con curiosità, se tutte le società contemporanee che hanno abbracciato un’economia di mercato hanno agito in modo così libero e democratico. L’ovvia risposta negativa a entrambe le domande erode il carattere convincente di tale argomento di Hayek.
Pertanto, nessuno dei motivi addotti da Hayek per una presunta fine della storia è accettabile. L’Inferno (non quello di Hayek, ma quello che è già arrivato) non può e non deve essere sacralizzato come la fine della storia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.