Russia. Il popolo contro Putin

Diario di bordo della rivolta anticorruzione, o la quarta rivoluzione russa

Per dare un punto di vista interno e completo di ciò che accade in Russia, su gentile concessione del prof. Boris J. Kagarlickij, qui i suoi appunti pubblicati in italiano sulle proteste e manifestazioni delle ultime due settimane.

16 gennaio 2021

Naval’nyj non è ancora arrivato, e ha già reso il suo ritorno l’evento principale di questa settimana. Naturalmente, la sua capacità di influenzare il processo politico deve essere riconosciuta. Tuttavia, non si tratta solo delle competenze e del «paziente di Berlino», ma anche dello sviluppo oggettivo della situazione. Il potere stesso rende Naval’nyj una figura simbolica che diventa centrale (non solo per l’opposizione) in qualsiasi scenario di transizione politica nel 2021-22. A sua volta, le azioni delle autorità sono dovute non solo all’incompetenza e all’incapacità patologica di condurre una lotta politica in modo appropriato. Ancora più importante, la Russia e il mondo stanno attraversando una crisi sistemica.

Le risorse per mantenere l’attuale modello di economia e di dominio politico sono state esaurite. Negli anni 1990 e 2000, la Russia di El’cin e Putin si è integrata con successo nel sistema neoliberale mondiale. Da qui le enormi fortune dei nostri oligarchi e la scala senza precedenti della corruzione – per rubare molto, si deve avere una risorsa disponibile per il saccheggio. Ahimè, il sistema mondiale è in crisi. E il modello russo di grezzo e corrotto capitalismo periferico semplicemente non può riprodursi normalmente. Che negli Stati Uniti, nell’Europa occidentale, si stiano verificando parallelamente problemi di ogni genere, e qui non si tratta di una coincidenza, ma di un giudizio della storia. Un comportamento inappropriato dell’élite è il risultato naturale della loro condanna oggettiva: è impossibile risolvere questioni oggettivamente valide senza capovolgere sé stesse (o almeno non sacrificare almeno alcuni dei loro interessi). E nessuno vuole farlo. Da qui l’impasse strategica che porta all’inadeguatezza tattica, al comportamento isterico sull’orlo della pazzia. E tentativi di soluzioni «dure», che causano più danni che benefici.

Ma torniamo a Naval’nyj. Oggi è a cavallo, perché la storia lavora attraverso di lui, e lei sta già dando la sua sentenza. Ma essendo la figura perfetta per distruggere il sistema, Naval’nyj dovrà dimostrare di essere capace di qualcos’altro. Nel frattempo, mi ricorda Kerenskij, che sta cercando di interpretare la parte di Lenin.

Tuttavia, tutta questa speculazione è un po’ prematura oggi. La cosa più importante ora è come gli eventi a Vnukovo [l’aeroporto dove Naval’nyj è atterrato ndT] si svolgeranno il 17 gennaio 2021. In ogni caso, la data passerà alla storia.

18 gennaio 2021

Riassumiamo la storia di ieri con il ritorno di Naval’nyj. Il punteggio favorisce chiaramente l’opposizione. La detenzione all’aeroporto era prevista e politicamente lavora per la sua immagine e reputazione. Le azioni delle autorità, a loro volta, hanno dimostrato quanto il Cremlino tema il «paziente di Berlino». Hanno inviato un’intera orda di polizia e agenti speciali alla zona di Vnukovo. Hanno chiuso l’aeroporto. L’aereo ha sorvolato Mosca per un’ora senza permesso di atterraggio, si è diretto a sud, poi ha girato a nord ed è atterrato a Šeremet’evo solo quando l’aereo stava chiaramente finendo il carburante. Il giornalista Anatolij Baranov ha ironicamente ringraziato le autorità che almeno non abbiano abbattuto l’aereo con un razzo (come hanno accennato autori anonimi dell’aeroporto di Vnukovo).

È chiaro che per tutto il tempo in cui l’aereo con Naval’nyj girava intorno alla capitale, i padroni sono andati nel panico e hanno preso una decisione all’ultimo momento. Gli scenari di comportamento sono cambiati diverse volte. In primo luogo, stavano per inviare gli hooligan di Zachar Prilepin a Vnukovo per provocare una lotta, poi immediatamente cancellato il piano, costringendo Prilepin, che in precedenza era stato minacciato di violenza, per chiedere ai suoi sostenitori di non andare all’aeroporto. La folla riunita per incontrare Naval’nyj era abbastanza tranquilla e non ha superato 2.000 persone, ma sembra essere stato sufficiente per spaventare le autorità (altrimenti sarebbe stato impossibile portare l’arresto direttamente a Vnukovo senza inseguire un intero gregge di aerei intorno a Mosca).

La paura del potere è irrazionale. La maggior parte è in effetti l’incarnazione della minaccia, ma è chiaro che la fonte profonda di paura non è lui o i suoi sostenitori innocui, che hanno ripetutamente messo la testa e le spalle sotto i manganelli della polizia. La causa degli attacchi di panico è la comprensione, o almeno un senso inconscio di sventura, dell’imminente collasso dei governanti stessi. La disintegrazione del modello economico può essere compensata da misure repressive, ma non ha alcun impatto sui processi oggettivi sui quali il Cremlino di Mosca, la Casa Bianca di Washington o Downing Street di Londra non hanno alcun controllo.

La paura, combinata con la rabbia, determina il comportamento dei nostri governanti oggi, trasformando i ladri comuni in pazzi e pericolosi per la società.

21 gennaio 2021

Il film Palazzo di Putin mi sembrava lungo, ripetendo quello che sapevamo più o meno. Naturalmente, i dettagli dei piani di corruzione sono stati chiariti, ma non abbiamo mai dubitato per un momento che le persone che ci governano sono ladri e mazzette. E esattamente quanto è stato rubato, come è stato rimosso il denaro, cosa è stato costruito sul denaro rubato – non ha molta importanza.

Anche se c’era qualcosa di interessante nel film. La combinazione dello stile pomposo del Secondo Impero francese con la volgarità dei cinghiali di Pietroburgo degli anni ’90 riflette molto bene la percezione della vita lussuosa dei circoli dominanti russi. Era necessario portare un paese in crisi, distruggere l’industria e la scienza solo per costruire questa cosa miserabile, e poi saltare in un buco artificiale in biancheria blu con acqua calda?

Ritengo, tuttavia, che il significato politico del film non sia affatto percepito da un utente abituale di Youtube. Il film è stato ovviamente fatto per impressionare un particolare spettatore. E sarebbe deprimente. Putin e la sua cerchia ristretta non possono non rendersi conto che, nonostante tutte le misure adottate, i loro avversari non solo sanno tutto di loro – tra cui in quale letto il presidente dorme e dove intrattiene le spogliarelliste. E il drone quadrirotore di Naval’nyj è libero di aggirare una zona di interdizione aerea altamente sorvegliata dove tutto ciò che non è autorizzato a volare, o si muove, dovrebbe svanire in qualche secondo. È chiaro che senza un aiuto «dall’interno» non sarebbe possibile fare un film del genere. È la comprensione del fatto che Naval’nyj riceve un crescente sostegno non solo nella società, ma anche nei ranghi del potere stesso (compresa parte del noto blocco «di potere»), che spiega l’aggressività-impanicamento al ritorno dell’opposizione a Mosca e a tutti i suoi discorsi.

 

I leader di tutte le fazioni della Duma di Stato hanno condannato Aleksej Naval’nyj con una sorprendente unanimità e in termini simili che, secondo la formulazione dei testi, nessuno può distinguere tra sostenitori del governo e dell’opposizione. Tuttavia, sono stato particolarmente interessato ad alcune formulazioni nel discorso di Gennadij Zjuganov, che ha nominato Navalnij il «messaggero regolare di Berlino», e il secondo, rispetto a Gapon. Come ricordo, il precedente «messaggero di Berlino» era considerato da V. I. Lenin (allo stesso tempo era anche chiamato agente straniero e spia tedesca). Un tale confronto nelle labbra del leader del Partito Comunista è un voto molto alto per l’opposizione…

Ma quando metti da parte l’ironia, il confronto con Gapon è molto più interessante. Anche se questo nome è diventato estremamente frequente nella comunicazione ordinaria, vale la pena ricordare quale ruolo Gapon e la sua organizzazione «Assemblea dei lavoratori di fabbrica russi di San Pietroburgo» ha giocato nella rivoluzione russa del 1905. Fu a causa delle sue attività che un movimento di protesta di massa ebbe inizio nel paese, che alla fine ha portato alla caduta dello zarismo. I socialdemocratici clandestini (sia bolscevichi che menscevichi) potevano vantare solo contatti limitati con il proletariato di fabbrica, anche coi socialisti. Il numero dei loro sostenitori tra i lavoratori prima del 1904 era di decine o centinaia. Il pope Gapon, che ha operato apertamente, è riuscito a riunire e organizzare decine di migliaia di lavoratori e portarli in strada a sostegno di una petizione che chiedeva non solo miglioramenti nella vita delle persone, ma anche i diritti civili.

I socialdemocratici furono immediatamente coinvolti nel movimento, nonostante la retorica costituzional-monarchica di Gapon. Dal 6 gennaio hanno avuto l’opportunità di parlare apertamente alle riunioni di lavoro organizzate da Gapon. Inoltre, gli attivisti che sono andati (e ha portato la gente) per le strade di Pietroburgo il 9 gennaio 1905 erano perfettamente preparati per la repressione. Alcuni lavoratori hanno anche scritto testamento dell’ultimo minuto e lettere di addio alle loro famiglie. Naturalmente, l’esecuzione di massa di Gapon e dei suoi soci più stretti non si è verificata. Ma non avevano motivo di essere molto ottimisti. Hanno cercato di scuotere l’immaginazione dello zar con la massa e allo stesso tempo la natura costruttiva del loro discorso. Riuscirono a scuotere le autorità, ma la risposta dei superiori spaventati fu la salva di fuoco.

In ogni caso, fu attraverso l’attivismo di Gapon che Lenin chiese la confluenza del marxismo con il movimento operaio di massa, e l’implicito malcontento popolare si trasformò in una rivoluzione. E Nicola II pagò per il 9 gennaio 1905 con la perdita del trono, finendo tragicamente i suoi giorni nel seminterrato della casa di Ipat’ev. La vendetta arriva spesso in ritardo, ma fa ancora più paura. Naturalmente, lo stesso Gapon (nonostante i successivi tentativi di riavvicinamento con i bolscevichi) non si è posto obiettivi del genere. Ma attraverso di lui, la logica della storia ha funzionato. E la storia spesso sceglie di soddisfare le esigenze sociali emergenti di personaggi molto inaspettati.

Conclusioni su come questo si riferisce alla nostra realtà attuale possono essere tratte più tardi, quando vediamo ulteriori sviluppi. Ma le analogie lo stanno chiedendo.

22 gennaio 2021

I leader di tutte e tre le fazioni dell’opposizione della Duma, al segnale del Cremlino, hanno maledetto uniformemente Naval’nyj. Il danno principale non fu per Naval’nyj ma per l’opposizione della Duma. Non posso escludere che questa fosse l’intenzione dei saggi del governo. Le persone che sono indignate da ciò che sta accadendo non sono suscettibili di essere rassicurati da questo tipo di discorso, ma piuttosto ne alimenta il fuoco. E l’opposizione ufficiale sarà screditata in vista delle elezioni autunnali.

Allo stesso tempo, i discorsi dei leader della Duma hanno provocato processi di crisi all’interno dei propri partiti. Il carismatico Evgenij Stupin, che rappresenta il KPRF a Mosca, ha già annunciato la sua intenzione di andare a Piazza Puškin il 23 gennaio. È stato sostenuto da Michail Timonov del partito «Spradvedlivaja Rossija». E l’ex senatore dell’oblast di Irkutsk Vjačeslav Marchaev, il capo del KPRF in Buriazia, ha sostenuto attivamente i manifestanti: «L’attuale governo in 30 anni di discorsi vuoti sulla democrazia ha effettivamente stabilito la più brutale dittatura dei clan oligarchici. In un sistema del genere, non c’è spazio per il libero pensiero, per il libero dibattito pubblico, tanto meno per la giusta critica del potere. La reazione è sempre la stessa – repressione, pressione di propaganda, manganelli di poliziotti». Il suo esempio potrebbe essere seguito – con più o meno radicalizzazione – da altri leader regionali del KPRF e, in alcuni casi, di SR.

In «Spradvedlivaja Rossija» la crisi è aggravata dall’annuncio fatto negli stessi giorni sulla fusione con il partito «Za Pravdu» [“per la verità”-“a destra”, gioco di parole in russo ndT] di Zachar Prilepin. Questo non è il primo tentativo degli alchimisti politici dell’AP di fondere la socialdemocrazia moderata coi centurieneristi [gruppo reazionario, monarchico e prefascista durante la rivoluzione russa ndT] e vedere cosa succede (Ricordiamo l’anno scorso la storia con «l’adesione al partito» Konstantin Malofeev, capo del canale televisivo ortodosso-monarchico «Car’grad» [“grandine zarista” ndT]). Poi la leadership SR riuscì ad evitare, ma questa volta non hanno lasciato neppure l’apparenza di una scelta.

È come una famosa battuta sull’aggiunta di 15 grammi di borscht a un litro di borscht e ottenere un litro di merda. Oltre all’assurdità politica, c’è anche un lato psicologico – la personalità altamente instabile di Prilepin garantisce che la leadership del partito diventerà una piattaforma per continui scandali e litigi, di cui sono condannati a divernirne vittime anche gli ex leader SR e la maggior parte dei loro apparati.

I politologi stanno già facendo commenti prolissi e profondi sui pro e i contro della fusione, anche se è comprensibile che questo non sia un calcolo politico, ma una decisione di gestione idiota presa dall’amministrazione, senza prendere in considerazione non solo le opinioni degli elettori, membri e funzionari della SR, ma anche contro gli interessi della leadership del partito. Come mi ha detto uno dei rappresentanti del suo massimo livello, «abbiamo incontrato le circostanze di una forza insormontabile». Come i terremoti, le valanghe, le colate di fango. E le conseguenze per il partito saranno appropriate.

Che Sergej Kirienko non sia meno distruttivo della dimensione media del vulcano, lo abbiamo visto nel 1998 a livello economico. Ora sta succedendo la stessa cosa nella sfera politica.

Il nocciolo della questione non è nemmeno il futuro del KPRF e di SR. Stiamo assistendo alla continuazione del colpo di stato strisciante iniziato l’anno scorso modificando la costituzione, «lo zelo di Putin», legittimato da un voto di tre giorni sul ghiaccio, il passaggio da elezioni truccate a risultati trasversali senza considerare il voto effettivo. «La democrazia controllata», creata alla fine degli anni ’90 e all’inizio degli anni 2000, presupponeva che l’opposizione avesse una certa, seppur limitata, libertà d’azione (nel quadro della precedente riserva da parte della stessa autorità). Ora l’ultimo elemento di «incertezza»-opposizione è privato di qualsiasi, anche limitata autonomia e soggettività. L’amministrazione passa al controllo manuale: si va solo in formazione, si canta solo in coro, e solo al nostro comando. Il problema del basso risultato ai sondaggi della «Russia Unita» non vale più la pena, poiché ora tutti i partiti diventano suddivisioni di ER [Edinaja Rossija, per l’appunto Russia Unita, il partito di Putin].

L’altra domanda era se il piano dell’amministrazione avrebbe avuto successo. Potrebbe essere interrotto se l’ondata di protesta sfugge al controllo, diventa irreversibilmente massiccia. Pertanto, è ovvio che i membri e i sostenitori del KPRF e di SR, presenti ai raduni del 23 gennaio, in realtà si recano lì per difendere non Naval’nyj, ma il futuro dei loro partiti.

23 gennaio 2021

La gente viene fuori. Da Magadan, Vladivostok e Chabarovsk, un’ondata di proteste si sta svolgendo. Stanno risalendo a Irkutsk e Ulan-Ude. Migliaia di persone, senza paura di minacce, chiedono le dimissioni di Putin. Non si tratta di Naval’nyj. Non si tratta affatto di opposizione. La gente è stanca del bullismo, dell’umiliazione, della povertà e dello spopolamento. Le dimissioni del Presidente sono la domanda delle strade.

Ora che tutto è detto e scritto, si può dire solo una cosa: quelli che sotto migliaia di diversi pretesti «ideologicamente corretti» persuadono gli altri, ma soprattutto, loro stessi, di non camminare, non partecipare, non sostenere le proteste, non ficcare il naso nelle cucine calde, in effetti, avevano solo paura. Non solo la paura di essere arrestati e picchiati (che, alla fine, può essere superata), ma anche la paura di assumersi la responsabilità di un atto le cui conseguenze non possono essere controllate. Perché se combatti, potresti perdere. E c’è sempre un sacco di gente intelligente fuori, dal silenzio sicuro, che eviterà che tu non abbia dovuto fare niente. Ma il progresso sociale e politico deve essere vinto. Va combattuto. Va rischiato. E non deve essere temuto.

Città per città, regione per regione. Migliaia stanno facendo campagna per il rilascio dei prigionieri politici, le dimissioni di Putin e il cambiamento democratico. A Irkutsk, l’assemblea legislativa è stata bloccata. A Krasnojarsk, si sono trasferiti al municipio. Il gelo non ferma la gente. Oltre l’Estremo Oriente e la Siberia gli Urali. È il turno della Russia europea.

 

A Mosca e Pietroburgo molte persone sono ancora per strada e gli scontri con la polizia continuano. Ma i primi risultati della giornata possono essere riassunti. Nonostante la detenzione e l’arresto di attivisti, minacce diffuse, gelo siberiano, e la persuasione, decine di migliaia di manifestanti in tutto il paese è andato avanti. Il paese non ha assistito a dimostrazioni su larga scala dal 2005. Questa non è una ripetizione del 2011, ma è molto più massiccia, spontanea e di base. Il movimento è completamente russo. Ed è importante che non solo i cittadini-milionari, la cui popolazione è sempre stata contraria al regime, le manifestazioni si sono svolte nei centri distrettuali, che sono stati considerati il pilastro elettorale della «Russia Unita» e Putin.

La Siberia e l’Estremo Oriente, non solo a causa della differenza di fuso orario, sono stati i primi ad iniziare, ma hanno mostrato il modello al resto del paese. Gli Urali salgono dietro di loro. Quando siamo andati in piazza Puškin a Mosca, sapevamo già e sentivamo che l’intero paese era dietro di noi.

Invece di «adolescenti inutili», di agitazione «congelata» di Naval’nyj, abbiamo visto persone di ogni età e strati sociali diversi. Pensionati e scolari, rappresentanti dell’intelligencija sovietica morente, studenti, giovani disoccupati e lavoratori. Questo è un movimento di massa di cittadini. E mentre non si può non rendere omaggio al coraggio di Aleksej Naval’nyj, la gente è venuta non solo per lui, ma per se stessa. Anche lo slogan «libertà a Naval’nyj» suonava molto meno spesso della richiesta di «Putin – dimettiti!»

L’umore è cambiato. Le persone non si lasciano colpire, non scappano. Reagiscono. Il video dei giovani che giocano a calcio con il casco del poliziotto diventerà un simbolo di questo giorno. Oggi, naturalmente, il potere non è stato sconfitto, ma la paura è stata spezzata. E ora è ovvio che i discorsi popolari continueranno, diventando sempre più determinati. Non importa quanto sia difficile il potere, dovrà affrontare la nuova realtà e ritirarsi sotto la pressione della società.

Le esigenze democratiche precedono l’inevitabile crescita delle esigenze sociali. Il paese vuole cambiamenti che non riguardano solo la pubblica amministrazione, ma tutti gli aspetti della vita. E i politici della cosiddetta opposizione, presi dal panico intorno a un regime che ieri hanno timidamente criticato, saranno i primi a rompersi. Sta emergendo una nuova opposizione – popolare, spontanea e intransigente.

24 gennaio 2021

Le autorità credono sinceramente che i raduni del 23 gennaio siano stati il risultato di propaganda ostile su Internet (quindi Twitter, Youtube, Tiktok e qualcos’altro dovrebbe essere bandito con urgenza). Coloro che sono più intelligenti cominciano a sospettare che ci sia qualcosa di sbagliato nella loro politica, ma non sanno cosa sia.

Infatti, questo è il risultato di un lungo processo iniziato nel 2018. Tuttavia, né le proteste contro la riforma delle pensioni, né le manifestazioni spontanee dei moscoviti per difendere i candidati indipendenti ritirati nel 2019, né il movimento «No» e la mobilitazione impressionante dell’elettorato contro gli emendamenti di Putin e gli «zelanti» termini presidenziali, anche le manifestazioni senza precedenti a Šies [il villaggio vicino ad Archangel’sk dove è stata scoperta una discarica per rifiuti speciali dalla capitale], Kuštau [montagna in Baškortostan dove doveva essere aperta una cava di gesso] e Chabarovsk non hanno avuto proseguo. La protesta è divampata ed è finita. O è gradualmente svanita o, sviluppandosi in una regione, quasi non avanzava in altri territori. I tentativi di organizzare il movimento di solidarietà sono stati anche soppressi, creando la sensazione che l’intero paese fosse trasformato, secondo l’espressione di un blogger, in una «palude di batuffoli».

Eppure il potenziale esplosivo si stava accumulando. Tutto questo ricordava molto la situazione a Beirut, quando enormi quantità di nitrato d’ammonio sono stati prima portate al magazzino nel porto, poi sono stati messi lì fuochi d’artificio, e infine, concludendo che tutto questo fosse perfettamente sicuro (perché non è successo nulla!) hanno deciso di fare la saldatura lì. Il fatto che tutto questo stia andando esplodere era chiaro in anticipo. L’unica domanda è chi e che cosa funzionerà come detonatore. Ma anche se tale detonatore è Aleksej Naval’nyj, nel ruolo di «saldatore di Beirut» le autorità ci hanno messo del proprio, trasformando successivamente con le proprie azioni l’opposizione, con un sostegno popolare piuttosto significativo ma non di massa, in un simbolo di resistenza. Come risultato, l’azione in difesa di Naval’nyj ingiustamente arrestato è diventata un punto del raggruppamento di forze politiche completamente eterogenee, unite da una cosa: desiderio e capacità di combattere.

25 gennaio 2021

Durante le proteste di Mosca del 2019, qualcuno ha lanciato una tazza di plastica alla polizia. In verità È vero, non ha colpito nessuno, ma è stato comunque processato come pericoloso terrorista. E i poliziotti antisommossa coperti con l’armatura dalla testa ai piedi hanno poi raccontato quanto fossero rimasti scioccati e spaventati.

Durante le proteste del 23 gennaio 2020, un poliziotto, davanti a tutti, ha preso a calci e percosso una donna che si trovava accanto a lui. Poi sono andati in ospedale e si sono scusati. Hanno deciso di non avviare un caso penale – c’è una scusa. E anche la vittima ha portato dei fiori. Ingiustamente? Perché? Lo stesso giorno, il karateka ceceno (o secondo altre fonti inguscio) si è distinto anche colpendo tre poliziotti in pubblico, che non avevano un manganello o un’armatura. Le guardie erano in fuga. E il ragazzo si scusò il giorno dopo. In qualche modo, si è lasciato trasportare dalla foga del momento. E non sarà processato neanche. Non c’è estradizione dal Caucaso.

Ora sappiamo che per evitare l’apertura di procedimenti penali in Russia, si deve essere ceceni, ingusci o poliziotti. Ci possono essere altre categorie di cittadini, ma non ne ho ancora sentito parlare. Ma l’importante è scusarsi in tempo. La cortesia è tutto.

26 gennaio 2021

Le proteste hanno già dato i primi risultati. Il 25 gennaio 2021, il centro di detenzione di Mosca ha revocato le severe restrizioni istituite. D’ora in poi, gli arrestati saranno portati davanti ai tribunali in qualunque caso (finora solo su raccomandazione del presidente della Corte). Inoltre, sono consentite trasmissioni, brevi visite e i membri dell’ONK [Osservatorio pubblico per la protezione dei diritti umani nei luoghi di detenzione] potranno parlare attraverso il vetro.

27 gennaio 2021

Il canale «Generale SVR [Servizio d’Intelligence Internazionale]» ha diffuso ieri un rapporto dedicato alla lotta contro il movimento di protesta, che Nikolaj Patrušev avrebbe presentato al presidente Putin. Se questa relazione esiste e quanto ci si possa fidare del «Generale» lasciamo stare. Ma ancora più importante, nonostante le valutazioni piuttosto bizzarre da parte delle singole personalità, che attestano la scarsa competenza dello staff di Patrušev o degli autori del canale, la tesi complessiva è totalmente esatta. In Russia, senza il coinvolgimento della sinistra, è molto difficile, se non impossibile, costituire un movimento veramente massiccio e politicamente efficiente contro il potere.

Per questo motivo, i pubblicisti servili hanno sempre definito la protesta come liberale (anche se non è fondamentalmente ideologica e civica) nella speranza che una tale caratterizzazione ne rendi aliene le persone che non condividono un’ideologia liberale (una vasta maggioranza). Allo stesso tempo, un’intera moltitudine di pubblicisti e blogger, specializzati nel criticare i mali della società da posizioni di «sinistra», hanno felicemente cominciato a esortare i loro spettatori e abbonati a non andare da nessuna parte, a non partecipare, a rimanere a casa, a non chiedere il rilascio dei prigionieri politici, a non cercare di porre fine all’arbitrarietà della polizia e alla revoca delle restrizioni allo svolgimento di marce e manifestazioni, in quanto ciò «non porterà al rovesciamento immediato del capitalismo».

In che misura queste persone siano impegnate e se lavorino su istruzioni del governo, non lo so e non credo importi. Importante è che l’invito a rimanere a casa e a non partecipare o difendere i propri diritti democratici sia chiaramente vantaggioso per l’attuale governo. È indicativo che, con poche eccezioni, la scorsa estate lo stesso gruppo di pubblicisti abbia dimostrato l’inutilità di mobilitare gli oppositori degli emendamenti alla Costituzione per votare «No», e ora condanna le proteste come «non nostre». In sintesi la formula «non fare nulla, siediti a casa» è pronunciata per garantire il sostegno passivo delle autorità a causa della non partecipazione di cittadini attivi in politica.

In un certo senso, c’è un elemento di prognosi auto-appagante qui: se nessuno tranne gli ideologicamente liberali scendono in strada, allora la protesta sarà davvero liberale, e alla fine fallirà, perché non esiste un ambiente sociale e culturale in cui tali idee politiche possano prosperare nella nostra società, e il liberalismo economico è già incarnato nello stesso governo che vogliamo rivoltare.

Ma la realtà ora è diversa. La partecipazione della sinistra alle proteste non solo è in aumento, ma può essere un fattore decisivo se permette una maggiore organizzazione e comprensione sociale. Infatti, l’arresto di Naval’nyj è stato proprio il motivo per cui le persone sono scese in strada, non la causa del loro malcontento. Fino a quando l’attuale ordine sociale e politico rimane invariato, le ragioni per l’indignazione pubblica, indipendentemente da qualsiasi misura di potere, cresceranno soltanto.

Polizia in assetto antisommossa, Mosca

29 gennaio 2021

La data imminente delle nuove proteste previste per il 31 gennaio è chiaramente una fonte di allarme per le autorità, che stanno cercando di impedire alle persone di scendere sulle strade, arrestando su larga scala gli attivisti. La loro tattica è molto imprudente, in quanto una folla senza organizzatori può essere molto aggressiva. Per quanto riguarda la manifestazione della capitale, dal punto di vista delle autorità e di molti commentatori, la scelta del percorso – Lubjanka e Piazza Staraja – sembra provocatoria, perché i manifestanti vogliono avvicinarsi ai «luoghi del potere» dell’attuale regime, gli edifici dell’FSB e del Governo Presidenziale. Ma c’è un modo molto semplice per prevenire qualsiasi provocazione: fermare la repressione e consentire alle persone di camminare liberamente per la loro capitale. Fino a quando le autorità rifiuteranno questa semplice decisione, i funzionari saranno ritenuti responsabili di eventuali eccessi che coinvolgano la dispersione della folla.

In ogni caso, un’escalation della crisi è imminente. Le cerchie dominanti sono determinate a «contrattaccare» non solo ai manifestanti e ai giovani in protesta, ma anche all’opinione pubblica, adottando costantemente nuove leggi e regolamenti, limitando la libertà di parola e semplicemente umiliando i cittadini. Di conseguenza, hanno già raggiunto una svolta molto importante: tutti capiscono che non ci sarà alcun ritorno alla vita pre-crisi: se vince, il regime attuale emergerà da questa storia significativamente cambiato, più precisamente – fascistizzato Quello che possiamo vedere nella vicina Bielorussia. Nella migliore delle ipotesi, la Russia rischia di trasformarsi in una sorta di Turkmenistan europeo, solo con una popolazione meno sottomessa. Pertanto, il prezzo del mantenimento del regime non è solo un inasprimento dell’autoritarismo, ma anche una guerra civile permanente contro il proprio popolo.

Poiché anche una parte significativa dei sostenitori e dei funzionari delle attuali autorità non vuole un tale risultato, è ragionevole aspettarsi che la spaccatura all’interno del campo governista si intensifichi. Finora questo si manifesta in una strana incoerenza di azioni che riflettono un «combattimento sotto il tappeto». Ma in ogni caso sarà la linea dura a prevalere. Così i loro avversari alla fine dovranno uscire da sotto il tappeto e dichiarare la loro posizione.

Ma c’è un altro problema. Né la fine della repressione, il cambio di regime, né la vittoria dell’opposizione liberale risolveranno da soli la sistemica crisi socioeconomica. Questo problema dovrà essere affrontato dalle nuove forze sociali che emergeranno direttamente dalla lotta contemporanea.

30 gennaio 2021

Alla vigilia delle previste proteste in Russia del 31 gennaio, è chiaro che i partiti dell’opposizione alla Duma sono completamente immobilizzati o sono sul campo a vivere la propria vita. Non importa quello che dice Zjuganov, le organizzazioni regionali del partito hanno proprie opinioni. Il KPRF del consiglio cittadino di Irkutsk ha adottato una risoluzione a sostegno dei raduni: «Le riforme anti-sociali degli ultimi anni hanno causato gravi difficoltà nella società. Di fronte alla totale ingiustizia, le proteste di strada sono diventate legittime. La gente è pronta a scendere in strada. L’ampia campagna di informazione intorno alla figura di Aleksej Naval’nyj è stata un fattore scatenante per le proteste di massa. Le accuse di corruzione fatte dai funzionari sono ampiamente giustificate». Come è noto, prima il comitato della città di Mosca ha parlato, così come Sergej Levčenko e Vjačeslav Marchaev, annunciando anche la validità delle richieste dei manifestanti.

 

La repressione e la propaganda di Stato stessi ci hanno spinto in una situazione in cui la scelta di sostenere o meno le proteste è passata da politica a morale. Potete trattare Naval’nyj come vi pare (e ho sottolineato molte volte che non condivido categoricamente la sua ideologia), ma un uomo decente e un cittadino onesto non possono semplicemente approvare arresti a tappeto, arresti illegali e menzogne spudorate. Quindi si deve lottare contro tutto questo, non solo con i mezzi disponibili. I raduni di massa del 31 gennaio non sono resi inevitabili da Tiktok o dall’agitazione dell’opposizione, ma dalle azioni e dichiarazioni delle autorità. E si ricordi, la TV pro-Putin ha fatto di più per mobilitare gli avversari del regime di tutte le Fondazioni Anticorruzione messe insieme. Chi semina vento raccoglie tempesta.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.