Pianificazione economica: alcuni modelli

— Bollettino Culturale, 18 aprile 2021

Democrazia economica (DE), elaborata da David Scheweickart

Questa proposta sostiene la proprietà sociale dei mezzi di produzione in un sistema in cui le aziende sono autogestite dai lavoratori. In questo senso, questo autore propone un modello che, secondo lui, condivide alcuni elementi con il modello socialista jugoslavo, con il capitalismo giapponese e con il cooperativismo della Mondragon, ma come l’autore chiarisce, il suo modello non rappresenta una versione elaborata di nessuno di essi.

Nel modello DE, ogni azienda produttiva è gestita da chi ci lavora. I lavoratori sono responsabili del funzionamento dell’intera fabbrica: organizzazione del lavoro, disciplina interna, tecniche di produzione, natura e quantità della produzione, forma di predistribuzione dei profitti. Sulla questione dei salari, sostiene che sarà probabilmente necessario insistere sulla necessità di uno specifico livello di salario minimo. Le decisioni su questi aspetti devono essere prese sulla base del criterio democratico “ogni persona un voto”. Nel caso in cui, per le sue dimensioni, qualunque unità produttiva lo richieda, si potrebbe considerare la possibilità di creare qualche forma di delega di autorità. In questo caso, le posizioni dovrebbero essere sempre scelte dai lavoratori, non nominate dallo Stato o decise dalla comunità in generale. Secondo l’autore, potrebbe essere consigliabile avere una struttura retributiva ufficiale che rifletta la stessa retribuzione a parità di capacità, con bonus complementari basati sulla redditività dell’azienda. Se una società non è in grado di generare il reddito minimo pro capite, dovrebbe dichiarare fallimento. In questa situazione, il capitale immobiliare verrebbe liquidato per pagare i creditori, mentre il valore del capitale fisso tornerebbe alla collettività attraverso i meccanismi esistenti a tal fine. Il modello DE contiene come elemento centrale della proposta il suo approccio al controllo sociale degli investimenti. Nella DE, i fondi di investimento vengono generati e assegnati attraverso metodi democratici. Il tasso di interesse per i risparmiatori non è considerato come il modo per acquisire i fondi che verranno utilizzati per gli investimenti, il meccanismo che consente questa acquisizione di risorse è il pagamento di un’aliquota sull’utilizzo dei beni capitali. Questa tassa, che sarebbe l’equivalente del tasso di interesse nell’economia capitalista, servirebbe a due scopi importanti: stimolerebbe l’uso efficiente dei beni strumentali e allo stesso tempo servirebbe a raccogliere fondi per finanziare nuovi investimenti. Poiché questa imposta patrimoniale è la fonte dei fondi di investimento, non vi è alcun motivo particolare per pagare interessi sui risparmi individuali o per tassare i prestiti personali con interessi. L’autore opta per il prelievo di una tassa invece del meccanismo capitalistico del tasso di interesse in quanto il meccanismo fiscale rende più evidente che si sta pagando un prezzo per l’utilizzo di una proprietà creata e posseduta della comunità.

Schweickart sostiene che il controllo sociale dei fondi di investimento, debitamente democratizzati e decentralizzati, sarà ottenuto attraverso vari piani dei relativi istituti di credito sociale. Distingue tre tipi di investimenti che la società potrebbe desiderare: quelli che le aziende vorrebbero fare spontaneamente perché redditizi. Gli investimenti volti a ottenere denaro, ma a causa di fattori esterni di consumo o riproduzione, sono più preziosi per la società di quanto non indichi la loro redditività. Investimenti di capitale relativi alla creazione di beni e servizi gratuiti, come scuole, ospedali, trasporti pubblici, centri di ricerca… I punti due e tre includono i progetti che dovrebbero essere promossi attraverso meccanismi di pianificazione. Le decisioni su quali progetti di questa natura debbano essere promossi saranno prese democraticamente, dopo un ampio dibattito, attraverso gli organi legislativi scelti per ciascuno dei livelli. Lo stanziamento dei fondi avverrà come segue: in primo luogo, il legislatore decide gli investimenti di capitale pubblico destinati a progetti statali. I fondi per questi progetti saranno assegnati all’organismo nazionale competente. Il resto dei fondi sarà distribuito tra le regioni. In proporzione alle rispettive popolazioni. I diversi organi legislativi regionali adotteranno, allo stesso modo, le decisioni sugli investimenti pubblici e sui diversi progetti che si riterrà necessario incentivare. I fondi necessari per questi progetti saranno trasferiti alle autorità regionali competenti. Il resto dei fondi sarà assegnato, in proporzione alla loro popolazione, alle diverse comunità che decideranno sugli investimenti pubblici locali e sulla politica di sussidio. Le sovvenzioni concesse non dovrebbero essere restituite ma sarebbero aggiunte al patrimonio totale della società, e quindi alla sua base imponibile. Le spese operative di tutte le agenzie statali dovranno essere finanziate separatamente, possibilmente attraverso un’imposta sul reddito e / o sui consumi.

Una volta che le decisioni sono state adottate democraticamente a livello nazionale, regionale e locale, le comunità depositano i rispettivi fondi nelle loro banche. Ciascuna delle società nella zona di deposito ha le sue riserve di ammortamento e il suo reddito nella banca di sua scelta, che fornirebbe il capitale circolante necessario oltre a fornire i servizi tecnici e finanziari di cui ha bisogno. Ogni banca sarebbe gestita come una “cooperativa di secondo grado”, ciò significa che rappresentanti di altri diversi settori parteciperebbero al suo consiglio direttivo. Il consiglio direttivo di una banca comunitaria dovrebbe includere rappresentanti dell’ente di pianificazione comunitaria, il personale della banca e le società che collaborano con la banca. Ciascuna banca riceve dalla comunità una parte dei fondi di investimento ad essa destinati, determinati in base alla dimensione e al numero delle aziende affiliate alla banca, al successo dei prestiti precedenti e al numero di posti di lavoro creati attraverso i progetti finanziati dalla banca. I profitti della banca, da distribuire tra i suoi lavoratori, proverranno dalla riscossione delle tasse generali secondo una formula che mette in relazione i profitti della banca con il suo successo nell’assegnazione di sovvenzioni redditizie e nella creazione di occupazione. Per quanto riguarda i meccanismi di distribuzione delle merci ottenute nei processi di produzione, la DE sostiene che questo processo sarà sviluppato attraverso il mercato. I prezzi saranno regolati attraverso l’offerta e la domanda. Secondo l’autore ci sono alcune eccezioni in cui dovrebbe essere stabilito un certo controllo sui prezzi; In questa direzione, indica come esempio quelle industrie che riflettono una concentrazione di natura monopolistica o quelle legate all’agricoltura e ai modi di vita tradizionali che si intendono preservare. La DE prevede l’intervento dello Stato per risolvere i malfunzionamenti del mercato. Il massimo profitto sarà l’obiettivo delle società del modello DE, ma questo non avrebbe lo stesso senso della società odierna. Le imprese si sforzerebbero di massimizzare la differenza tra le vendite totali e i costi totali non di manodopera. Nella DE, il lavoro non è un altro “fattore di produzione” come lo sarebbero la terra e il capitale.

Il lavoro non sarebbe affatto una merce per il fatto che un lavoratore, dal momento in cui entra in azienda, è socio con diritto di voto e una determinata quota dell’utile netto. Saranno i lavoratori stessi a decidere quale sia la struttura salariale più appropriata all’interno di ciascuna azienda e saranno anche loro a decidere se devono esserci differenze salariali tra i lavoratori.

L’economia pianificata delle equivalenze di Heinz Dieterich Steffan

Nel suo modello, Dieterich sostiene la costruzione della società socialista alternativa basata sull’attuazione del principio di equivalenza, democrazia partecipativa e Stato non classista. Per quanto riguarda la proprietà dei mezzi di produzione, ritiene che la forma di proprietà di questi non sia rilevante per la realizzazione del principio di equivalenza, elemento centrale della teoria economica della sua società. Nonostante ciò, secondo l’autore, nella misura in cui l’economia delle equivalenze prevale sull’economia di mercato, il profitto privato scomparirà e la proprietà privata dei mezzi di produzione perderà la sua base, scomparirà da sola. Nella proposta di Dieterich, lo scambio è strettamente regolato dal principio di equivalenza. Questo principio, che, secondo l’autore, definisce la giustizia sociale, si basa sul fatto che il salario è direttamente e assolutamente uguale al tempo di lavoro. I prezzi sono equivalenti al valore e non contengono altro che l’assoluta equivalenza del lavoro incorporato nei beni. In pratica, significa “l’equivalenza tra lo sforzo medio di lavoro e il compenso direttamente proporzionale a questo sforzo attraverso prodotti e servizi”. Per sviluppare questa proposta, il tempo investito nella produzione e di conseguenza il valore di ogni bene o servizio dovrebbe essere analizzato e concordato a livello sociale.

La terra e le risorse naturali sono considerate proprietà comune, controllate dallo Stato. Tutte le attività pubbliche che non creano valore (istruzione, medicina…) possono essere pagate attraverso le tasse. Per quanto riguarda lo stoccaggio, il trasporto e la distribuzione dei beni prodotti, il cui valore sarebbe pari al tempo di lavoro investito sarebbero considerati servizi. In questo modo il loro valore sarebbe compreso nel valore della merce distribuita. Secondo questo autore, i progressi tecnologici, soprattutto nel campo dell’informatica, faciliteranno la transizione verso l’economia delle equivalenze.

Per quanto riguarda l’omogeneizzazione dei diversi tipi di lavoro esistenti nella società, che in termini marxisti è noto come il problema del lavoro semplice e del lavoro complesso, secondo l’autore su questo tema vi è un importante consenso sociale sul differenziale retributivo che va oltre gli aspetti puramente tecnici e specifici. Tuttavia, in questo senso, indica che quando la maggiore produttività di un lavoratore è il risultato di meriti personali, dovrebbe ricevere un bonus al valore base ottenuto per la sua giornata lavorativa. Un altro aspetto da tenere in considerazione, secondo l’autore, è quello che si riferisce alle condizioni di lavoro. Quelle persone che svolgono lavori fisicamente più duri dovrebbero ricevere una sorta di gratificazione supplementare rispetto a coloro che lavorano in condizioni più confortevoli. Per quanto riguarda i meccanismi di distribuzione, secondo l’autore, nell’economia delle equivalenze non ci sarebbe mercato per il semplice fatto che il prezzo non risulterebbe dall’azione della domanda e dell’offerta, ma dal valore dei prezzi prodotti.

Il modello di Al Campbell di socialismo democratico pianificato

Al Campbell nella sua proposta per un socialismo democratico pianificato (SDP) parte dalla considerazione che nel capitalismo i diritti di proprietà sui mezzi di produzione trionfano sempre sui diritti democratici. Pertanto, il progresso verso una società socialista deve considerare essenziale la nazionalizzazione dei mezzi di produzione. Il suo ragionamento si basa sul fatto che l’obiettivo generale del socialismo è lo sviluppo umano (la possibilità che ogni persona possa sviluppare il proprio potenziale) e ad un livello specifico gli obiettivi sarebbero l’autogoverno, la democrazia, l’uguaglianza e la solidarietà. Per raggiungere questi obiettivi, la nazionalizzazione dei mezzi di produzione deve rappresentare un progresso sia per avanzare verso l’uguaglianza che per raggiungere l’autogoverno nell’economia. Pertanto tutti i beni capitali dovrebbero essere posseduti collettivamente, non da tutti i lavoratori che li utilizzano. Per quanto riguarda i meccanismi di distribuzione, Al Campbell ritiene che il mercato debba essere abbandonato spostandosi nella direzione di un’economia democraticamente pianificata. Dato che le persone hanno sempre idee diverse su cosa dovrebbe essere prodotto, consumato e come dovrebbe essere distribuito, l’interazione sociale democratica è essenziale per il raggiungimento dell’obiettivo socialista che le persone controllino consapevolmente e collettivamente le istituzioni di cui fanno parte. Pertanto, dovrebbe esserci un consiglio per gli investimenti (CI) scelto democraticamente che determinerà gli investimenti.

Il modello Campbell, per quanto riguarda il processo decisionale, contempla meccanismi centralizzati e decentralizzati allo stesso tempo. La natura economica di ciascuno degli aspetti da decidere determinerà come le decisioni dovranno essere prese. Tutti gli aspetti che richiedono un’attenzione centralizzata saranno coordinati da un governo scelto democraticamente o da consigli di amministrazione scelti democraticamente che avranno il compito di tradurre le preferenze della società a livello pratico. Per quanto riguarda la remunerazione del lavoro, il funzionamento di base sarebbe che ai lavoratori venga pagato (collettivamente) il valore totale di ciò che è stato prodotto per poi sviluppare un sistema fiscale che consenta il finanziamento degli investimenti, dei consumi pubblici, dei servizi sociali e della struttura governativa. Qualsiasi fornitore di un servizio socialmente utile, determinato come tale dalla comunità, che non è pagato dai consumatori, deve essere pagato dalla comunità. Questo approccio è contemplato nel modello per tutti i beni pubblici e i servizi sociali (come la manutenzione degli edifici pubblici, l’istruzione, l’assistenza, la salute…).

Il modello di Pat Devine

Pat Devine ci presenta un modello di democrazia e pianificazione economica. L’obiettivo del suo modello si basa sull’organizzazione di un processo produttivo sotto il controllo sociale, in modo che le risorse produttive siano utilizzate per soddisfare i bisogni sociali con la democrazia partecipativa, in modo che siano le persone a definire i bisogni sociali e l’abolizione della divisione sociale del lavoro in modo che tutte le persone abbiano uguale accesso alle attività produttive. Devine ha due elementi caratteristici nel suo modello: coordinamento negoziato e autogestione estesa. Per quanto riguarda la proprietà, sostiene che deve essere sociale, non privata. Secondo l’autore, la proprietà statale o pubblica non garantisce la proprietà sociale. La nazionalizzazione dei mezzi di produzione è un primo passo cruciale verso la loro socializzazione, ma da sola non basta per realizzarla. La proprietà sociale deve soddisfare due criteri. In primo luogo, i mezzi di produzione devono essere impiegati secondo gli interessi della società. In secondo luogo, la società deve avere una disposizione efficace sui mezzi di produzione che possiede. La pianificazione gioca un ruolo cruciale nell’organizzazione della produzione. Devine considera la pianificazione essenziale se, nella società che intende costruire, le persone devono avere il controllo sulle decisioni che le riguardano, cercando al contempo soluzioni collettive anziché individuali ai diversi problemi che si presentano.

La pianificazione è necessaria anche per evitare l’instabilità e l’incertezza generate dal sistema di mercato, nonché le disuguaglianze regionali che genera e aggrava. Devine non dà alcun ruolo al mercato nel suo modello di società. Le decisioni su come distribuire le risorse tra le diverse attività devono essere prese, attraverso la pianificazione, dalla società nel suo insieme. Tuttavia, il modo per attuare questo piano deve essere sviluppato in modo decentralizzato e autogestito. L’intera società deve partecipare. Nel modello di pianificazione di Devine, il meccanismo del coordinamento negoziato gioca un ruolo importante. Si tratta di un modello per coordinare le decisioni sulla produzione e gli investimenti attraverso la negoziazione, quindi senza utilizzare i meccanismi di centralizzazione amministrativa o le “forze” del mercato. In questo modello le decisioni di investimento all’interno di uno specifico ramo industriale sono prese dall’organo di negoziazione coordinato di quest’ultimo, a cui partecipano tutte le unità di filiale con tutte le informazioni disponibili. Pertanto, in ogni organo di coordinamento di filiale, oltre ai lavoratori, parteciperanno rappresentanti dei fornitori, utenti e diversi gruppi di interesse. Ci sarebbe anche un organo di coordinamento negoziato “centrale”, che avrebbe accesso a tutte le informazioni delle diverse unità produttive e avrebbe il compito di coordinare tutte le decisioni prese. Seguendo lo stesso principio, i centri di lavoro sarebbero autogestiti attraverso un meccanismo di autogestione esteso. Perché ci sia un vero controllo sociale dei mezzi di produzione, l’autogestione delle aziende deve essere esercitata all’interno del quadro globale che risulta dal processo decisionale a livello sociale espresso attraverso un piano. E l’autogestione a livello aziendale è una condizione essenziale ma lungi dall’essere sufficiente. Questo autore presenta un approccio molto nuovo all’autogestione, consistente in un’autogestione estesa, sottolineando che deve includere più elementi rispetto ai semplici lavoratori dell’azienda, e deve essere completato con rappresentanti locali dei territori in cui si trovano e anche dai fornitori e i consumatori del prodotto che si sta fabbricando.

Secondo Devine, l’uso dei mezzi di produzione deve essere controllato da tutte quelle persone direttamente interessate dal loro utilizzo (lavoratori, consumatori, residenti della comunità in cui si trova l’azienda, società quando si tratta di grandi aziende, gruppi preoccupati per l’impatto ambientale o delle eventuali disuguaglianze generate…) Il sistema democratico di pianificazione e decisione attraverso il coordinamento negoziato consentirebbe la creazione di una società autogovernata capace di organizzare l’economia sulla base di accordi e definizioni costruiti socialmente. Questo sistema richiede l’esistenza di prezzi. Nel modello di Devine, i prezzi sarebbero fissi, determinati dalle unità di produzione e sarebbero basati sui costi di produzione a lungo termine che sarebbero calcolati tenendo conto di criteri definiti socialmente, decisi democraticamente. Per quanto riguarda i salari, un’economia pianificata richiede una politica dei redditi che renda efficace l’allocazione pianificata delle risorse secondo priorità socialmente definite. I salari sarebbero stabiliti attraverso un coordinamento negoziato capace di includere tutti i gruppi coinvolti e in base alle priorità sociali. È interessante la considerazione di Devine sulle possibilità di un processo decisionale decentralizzato in società in cui non c’è ancora né il potere né la coscienza per sviluppare meccanismi di coordinamento negoziato. Secondo l’autore, in assenza del potere e della consapevolezza necessari, è probabile che il decentramento nel processo decisionale abbia effetti contraddittori. Il controllo degli edifici e dei terreni da parte delle associazioni di quartiere o il controllo delle scuole da parte delle associazioni dei genitori potrebbe provocare una discriminazione razziale o di classe sociale. Le società controllate dai lavoratori potrebbero perseguire interessi aziendali o cadere facilmente nell’autosfruttamento. Devine, perseguendo l’obiettivo dell’abolizione dello sfruttamento, ritiene che esso debba essere collegato al controllo dei risultati del processo produttivo nel suo complesso. Considera che le caratteristiche delle attività, delle relazioni in cui le persone sono coinvolte determinano le loro possibilità di sviluppo. Per questo motivo, distingue tra la divisione tecnica del lavoro e la divisione sociale del lavoro. Mentre il primo si riferirebbe alle conoscenze tecniche applicate alla produzione, il secondo sarebbe caratterizzato dalla divisione stabilita tra le persone che detengono le diverse conoscenze.

Secondo Devine, il primo dovrebbe essere mantenuto perché è impossibile per tutti svolgere tutti i compiti esistenti (ad esempio, essere un chirurgo e allo stesso tempo un cuoco dell’ospedale) ma il secondo dovrebbe essere eliminato per il fatto che è inammissibile che si generino stati sociali diversi a seconda del compito svolto. Per quanto riguarda i compiti relativi all’organizzazione e al controllo, sostiene che tutti debbano parteciparvi equamente. È attraverso meccanismi elettorali democratici che tutti possono assumersi questo tipo di responsabilità.

La Democrazia Inclusiva di Fotopoulos

La Democrazia Inclusiva (DI) di Takis Fotopoulos ci mostra un approccio assolutamente globale, che abbraccia l’intera società in ogni suo aspetto. Secondo Fotopoulos, possiamo distinguere quattro elementi costitutivi di una democrazia inclusiva: quella politica, quella economica, la “democrazia nel regno sociale” e quella ecologica. I primi tre costituiscono il quadro istituzionale che punta alla distribuzione egualitaria rispettivamente del potere politico, economico e sociale; in altre parole, il sistema che mira all’effettiva eliminazione del dominio dell’essere umano su un altro essere umano. Allo stesso modo, la democrazia ecologica è definita come il quadro istituzionale che mira a reintegrare l’essere umano con la natura. Gli elementi principali della DI, riguardo alla democrazia economica per un’economia senza Stato, senza soldi e senza mercato, verranno esposti più tardi. L’organo decisionale politico fondamentale di ogni comunità indipendente è l’assemblea demotica. Le comunità (demo) sono coordinate attraverso consigli amministrativi regionali e confederali di delegati con mandati revocabili e rotanti. I mezzi di produzione appartengono a ciascuna comunità (demo) e vengono trasferiti ai lavoratori di ciascuna unità produttiva con un contratto a lungo termine. Lo scopo della produzione non è la crescita ma la soddisfazione dei bisogni fondamentali (definiti democraticamente) di tutti i cittadini. Queste esigenze sono definite democraticamente e non si riferiscono semplicemente alla quantità di beni e servizi prodotti ma anche alla qualità della vita nel quadro del rispetto dei limiti ecologici. L’efficienza viene definita sulla base di questi obiettivi e la tecnologia viene ricostruita di conseguenza.

Per soddisfare i bisogni di base definiti, tutte le persone con la capacità di lavorare dovrebbero offrire una quantità minima di lavoro. Oltre ai bisogni di base, ci sarebbe un altro grande gruppo di bisogni considerati non di base. Questi sarebbero definiti secondo il desiderio espresso dai membri della comunità e, per soddisfarli, dovrebbero essere disposti a lavorare in aggiunta al di là del lavoro volto a soddisfare i bisogni di base. Va tenuto presente che è deciso collettivamente dalle persone, in quanto cittadini, che decidono collettivamente come soddisfare i bisogni di base ma all’interno dei beni esistenti, le persone possono scegliere individualmente i prodotti per soddisfarli. Possono anche scegliere individualmente come soddisfare i bisogni non di base. Le persone, oltre a partecipare come cittadini alle assemblee demotiche, dove gli obiettivi generali di pianificazione sono determinati a soddisfare i bisogni di base, partecipano anche come lavoratori, con lo stesso livello di influenza e con tutte le informazioni rilevanti disponibili, alle loro assemblee. Rispettivo centro di lavoro , in un processo di modifica / implementazione del piano demotico e nella gestione del proprio centro di lavoro. Nel modello DI, il meccanismo di aggiustamento che garantisce l’uguaglianza tra domanda e offerta per le varie tipologie di lavoro si basa sulla distinzione tra il tipo di lavoro base, dedicato alla copertura dei bisogni primari, e il tipo non di base. Per quanto riguarda il lavoro di base, è già stato spiegato che ogni cittadino deve dedicare a questo lavoro alcune ore minime per garantire il soddisfacimento dei bisogni di base concordati. Per quanto riguarda il lavoro non di base, domanda e offerta sono bilanciate attraverso il meccanismo di aggiustamento proporzionale che l’“indice di remunerazione” suppone. Ciò è determinato dai desideri dei cittadini in quanto produttori (indice di attrattività), nonché dai loro desideri in quanto consumatori (prezzi). Ad esempio, se troppi cittadini vogliono lavorare come attori rispetto alla domanda esistente per loro, il tasso di remunerazione degli attori diminuirà, scoraggiando coloro che non sono troppo interessati a quella professione.

La remunerazione è relativa al bisogno, in quanto riferita ai bisogni primari e relativo al lavoro, allo sforzo, in relazione a quelli non basilari. Nella DI è riconosciuta che la soddisfazione dei bisogni primari è un diritto che non può essere negato a nessuno, purché venga offerto il contributo minimo di lavoro richiesto. Le decisioni economiche dei cittadini, prese sia collettivamente che individualmente, sono attuate attraverso una combinazione di pianificazione democratica e un mercato artificiale basato su “buoni personali”. Questo meccanismo è destinato a sostituire sia il meccanismo di mercato che il meccanismo di pianificazione centrale. I “buoni base” sono quelli distribuiti in cambio del lavoro di base, cioè in cambio del numero di ore di lavoro richieste a ciascun cittadino in una mansione a sua scelta destinata a coprire i bisogni primari. Tali buoni, rilasciati a titolo personale dall’istituzione confederale, danno diritto ad ogni cittadino ad un certo livello di soddisfazione di ogni specifica esigenza di base, ma non specificano la specifica tipologia di del prodotto da consumare. I “buoni non di base”, distribuiti in cambio di lavoro non di base, sono utilizzati per il soddisfacimento di bisogni non fondamentali (consumi non essenziali) oltre che per il soddisfacimento di bisogni primari superiori al livello prescritto dall’assemblea. Anche i buoni non di base, come i buoni di base, sono personali ma, a differenza dei buoni di base, vengono emessi da ciascuna comunità anziché dalla confederazione. I prezzi in questo sistema funzionano come dispositivi di razionamento per adeguare la scarsità ai desideri dei cittadini. Il mercato artificiale e il sistema dei buoni mirano a garantire una vera libertà di scelta, in quanto questo meccanismo consente lo sviluppo di una sana competizione tra i diversi centri di lavoro. Così, in una Democrazia Inclusiva, un gruppo di cittadini potrebbe avviare una società demotica (cioè una società posseduta e controllata dal demo) in qualsiasi tipo di attività voglia, purché il suo scopo sia approvato dall’assemblea demotica e dai suoi comitati . Queste nuove società potrebbero “competere” con altre società impegnate nella stessa linea di attività e determinare il loro livello di produzione sulla base dei buoni ricevuti.

La Parecon di Michael Albert e Robert Hahnel

Per ultimare la revisione delle diverse proposte analizzate riguardanti il ​​loro approccio economico, presenteremo le principali caratteristiche del modello Parecon, sviluppato da Michael Albert e Robert Hahnel. Per quanto riguarda la proprietà, Albert definisce che nella Parecon i mezzi di produzione sono proprietà non privata, tuttavia non specifica quale forma assumerà la proprietà dei mezzi di produzione. Albert è molto impreciso a questo proposito. I principali organi decisionali del modello Parecon sono i consigli dei lavoratori e i consigli dei consumatori. Per quanto riguarda i consigli dei lavoratori, ogni luogo di lavoro è governato da un consiglio dei lavoratori in cui ogni lavoratore ha gli stessi diritti decisionali e la stessa responsabilità di qualsiasi altro. Consigli di diverse dimensioni dirigono attività diverse, tenendo presente che l’input nel processo decisionale deve essere proporzionale all’impatto delle decisioni su coloro che le prendono. Per quanto riguarda i consigli dei consumatori, il consumo partecipativo è organizzato in un sistema crescente di consigli e federazioni. L’allocazione delle risorse nella Parecon funziona secondo quella che Albert chiama “pianificazione partecipata decentralizzata”. La pianificazione dei consumi inizia con progetti di consumo collettivo, partendo dal livello più alto e proseguendo verso il basso, culminando in un voto su un intero pacchetto di consumo collettivo. Ogni consiglio di quartiere fa parte di una più ampia sezione (regione, federazione nazionale dei consigli…). Dopo aver ricevuto il feedback da tutte le famiglie, la tabella di facilitazione del consumo collettivo riconfigura tutte le sue proposte in modo che possano essere riconsiderate dalle famiglie. Infine, sono le famiglie a decidere il consumo finale tra i diversi pacchetti proposti.

Per quanto riguarda il consumo personale, il singolo consumatore considera il suo consumo sotto l’ombrello di piani collettivi già determinati dal suo quartiere, regione… I consumatori determinano le proprie esigenze di consumo personale tenendo conto delle esigenze collettive, nonché delle implicazioni dei loro ordini per i lavoratori (tramite informazioni generate dai computer). Le decisioni sull’allocazione del budget a ciascun consiglio dipendono dalla sua storia passata, dalle esperienze lavorative e dalle esigenze. L’organizzazione del lavoro nella Parecon si basa sulla figura centrale rappresentata dai “complessi equilibrati del lavoro”. Si sostiene che l’assenza di classi e una vera democrazia sul posto di lavoro richieda che ogni lavoratore abbia un complesso lavorativo composto da responsabilità relativamente soddisfacenti. In altre parole, una combinazione di compiti che fornisce una combinazione di responsabilità in modo tale che a ciascun lavoratore siano garantite condizioni di lavoro più o meno paragonabili a quelle degli altri. In questo schema, ognuno esegue una serie unica di attività che risulta da un’equa assegnazione. La formazione di complessi di lavoro comparabili richiede che i compiti di ciascun centro di lavoro siano valutati e accuratamente combinati in diversi complessi che forniscano lo stesso grado di responsabilizzazione, non solo all’interno dei centri di lavoro ma anche tra di loro. Per facilitare la valutazione dei compiti di lavoro e bilanciarli, Albert suggerisce la creazione di “comitati complessi di lavoro” sia all’interno di ogni centro di lavoro che per l’economia nel suo complesso, che formulano proposte sulla combinazione dei compiti e sull’assegnazione dei compiti. . Per quanto riguarda la remunerazione del lavoro, il principio generale della Parecon è che ogni lavoratore dovrebbe avere una quota nella produzione della produzione proporzionata alla grandezza relativa dello sforzo o del sacrificio che è stato utilizzato per svolgere un lavoro sociale utile. Albert suggerisce che l’importo che si guadagna in un complesso lavorativo per una giornata di trenta ore tenendo conto di un’intensità media di sforzo, rappresenta il reddito di base. Da qui in poi, un lavoro più intenso o un turno più lungo fornirebbe un reddito più elevato. Per quanto riguarda i bisogni primari, nel modello è previsto che le attività di consumo collettivo, come la sanità oi parchi pubblici, siano gratuite. Per quanto riguarda le esigenze speciali, le persone possono effettuare ordini per consumi particolari in base alle loro esigenze.

Note politiche

La maggior parte delle proposte analizzate include una visione dettagliata del progetto economico previsto per una società alternativa ma, d’altra parte, sottolineano poche cose sull’organizzazione politica della società da costruire. Soprattutto Devine e il progetto di Democrazia Inclusiva prestano maggiore attenzione a questo problema che trascende la sfera puramente economica. La Democrazia Economica di Schweickart solleva una proposta sociale caratterizzata dalla democrazia politica così come la concepiamo attualmente.

Con i partiti politici, i sindacati e le varie forme istituzionali rilevanti. Così l’autore assume uno Stato costituzionale che garantisca le libertà civili per tutti. Dieterich, nella sua proposta per il socialismo del XXI secolo, ha scommesso che il meccanismo decisionale si basa sulla democrazia partecipativa. Con questo termine l’autore si riferisce alla reale capacità della maggioranza della cittadinanza di decidere gli affari principali della nazione. È un’estensione qualitativa della democrazia formale, in cui l’unico potere di decisione politica risiede nelle elezioni periodiche basate sui partiti politici. Nella democrazia partecipativa, questa capacità non sarà temporanea ed esclusiva della sfera politica, ma permanente ed estesa a tutti gli ambiti della vita sociale, dalle fabbriche alle caserme, alle università e ai media. Le grandi aziende private così come lo Stato scompaiono come tali nella democrazia partecipativa. Pat Devine basa la sua considerazione dei meccanismi di partecipazione sociale partendo dall’idea che socialismo debba essere democratico e che la democrazia richiede il socialismo. Questo per lui si traduce in una combinazione di democrazia parlamentare, democrazia partecipativa e democrazia diretta. Devine sostiene che in tutte le aree possibili, dovrebbe essere impegnata la democrazia diretta. Nell’approfondire la democrazia, ciò che Devine chiama “autogoverno” gioca un ruolo essenziale. Consiste in un’attività di organizzazione autonoma, autoattiva e volontaria. È un concetto che appartiene al funzionamento della società. Non è adatto né per strutture amministrative statali né per aziende, dove il modello organizzativo deve essere di autogestione. Le persone possono appartenere a diversi gruppi di autogoverno, questi gruppi si formano quando le persone percepiscono di condividere una preoccupazione comune e decidono di agire collettivamente in relazione ad essa. Devine ritiene che affinché il potere sociale dello Stato e dell’amministrazione possa essere controllato, ridotto e alla fine eliminato, è necessario lo sviluppo dell’autogoverno in tutti gli aspetti della società civile. Il dispiegamento di questa dinamica per la società nel suo complesso si tradurrà nella creazione di centri di potere autonomi con i quali la struttura amministrativa sarà obbligata a cooperare per l’attuazione delle diverse politiche.

Per Devine, a lungo termine, il potere dello Stato deve scomparire. I gruppi di autogoverno coesisteranno con il resto dei meccanismi decisionali collettivi. In questo modo, il potere politico risiederebbe fondamentalmente in assemblee rappresentative democraticamente elette a livello nazionale, regionale e locale. Ognuno dovrebbe poter essere scelto dalle diverse assemblee rappresentative. Le decisioni sarebbero prese a livello locale, a meno che non vi siano motivi sufficienti per prenderle a livello più generale. I compiti tecnici derivanti dal processo decisionale sarebbero svolti su appuntamento. Per quanto riguarda i compiti funzionali (dirigere e controllare gli organi di compiti tecnici), questi ricadrebbero per scelta sui diversi membri della comunità e tutte le persone della comunità dovrebbero parteciparvi. Devine ritiene necessaria l’esistenza di diversi partiti politici, in quanto ciascuno di essi rifletterebbe particolari valori e priorità politiche che, secondo lui, dovrebbero poter essere espressi in una società democratica. Il progetto di democrazia inclusiva di Fotopoulos, come accennato in precedenza, rappresenta l’articolazione della democrazia in tutte le sfere della vita e della società. Pertanto, oltre alla democrazia economica, la democrazia inclusiva rappresenta anche l’estensione della democrazia nella sfera politica, sociale ed ecologica.

Per Fotopoulos, la democrazia politica è essenziale per l’equa distribuzione del potere politico tra tutti i cittadini. Ciò, secondo l’autore, significa che tutte le decisioni politiche (comprese quelle relative alla formazione e all’esecuzione delle leggi) devono essere prese direttamente dai cittadini senza alcuna rappresentanza. Un altro elemento fondamentale per la democrazia politica è che non esiste alcun tipo di struttura politica che implichi rapporti di potere ineguali. Pertanto, la delega ai cittadini dei diversi compiti specifici sarà svolta a sorte, a rotazione e sempre revocabile da tutti i cittadini. Un ultimo elemento riguardante la democrazia politica nell’ambito del progetto di DI è che tutti i residenti di una specifica area geografica, oltre una certa età di maturità (decisa dalla stessa cittadinanza) indipendentemente da sesso, razza, etnia o identità culturale, appartengono al gruppo di cittadini e quindi sono direttamente coinvolti nel processo decisionale.

Fotopoulos ritiene che una democrazia inclusiva sia inconcepibile a meno che, insieme alla democrazia politica ed economica, non esista un processo democratico anche in altri settori della società (scuola, posto di lavoro, casa…). Quan parla di democrazia ecologica, la considera essenziale per l’esistenza di una relazione armoniosa tra il mondo naturale e il mondo sociale, la sostituzione dell’economia di mercato con un nuovo quadro istituzionale di democrazia inclusiva costituisce la condizione necessaria. La condizione di sufficienza è il livello di coscienza ecologica dei cittadini.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.