Intervista al professor Andrej D. Majdanskij

Andrej Dimitrievič Majdanskij è professore di filosofia all’Università di Belgorod, in Russia. Ha pubblicato, in russo, molti libri e articoli su Baruch Spinoza, il marxismo e la storia della filosofia sovietica. Uno dei suoi principali interessi è il noto e controverso filosofo sovietico Eval’d Vasil’evič Il’enkov (1924-1979), che ha lasciato un vasto archivio di materiali inediti che sarà pubblicato in una raccolta di dieci volumi curata da Maidanskij.

Il prof. Andrej D. Majdanskij

1. A parer mio Ilenkov fu il più grande filosofo sovietico dalla fine dello stalinismo. Soprattutto per la critica al positivismo e allo scientismo della filosofia marxista sovietica ufficiale. A suo avviso quali sono i più importanti meriti di questo filosofo nel rinnovamento del marxismo sovietico?

Negli anni di Stalin, la filosofia ha quasi cessato di esistere, trasformandosi in un’ombra della politica. La facoltà di filosofia divenne una fabbrica di lavoratori del partito, e tutta la saggezza del mondo è stata ridotta a “quattro caratteristiche della dialettica”, espresse secondo Stalin: tutto nel mondo è interconnesso, tutto è in costante movimento, la quantità si trasforma in qualità, e lo sviluppo è la lotta degli opposti. «La dialettica povera è stata crocifissa su una croce di quattro caratteristiche», come Il’enkov ha descritto quei tempi.

Ėval’d Vasil’evič Il’enkov, 1940

Il merito di Il’enkov consisteva semplicemente nel fatto che pochi mesi dopo la morte di Stalin, cominciò ad insegnare filosofia. Ed era una filosofia classica e genuina. Meno di due anni dopo Il’enkov fu espulso dall’Università Statale di Mosca e gli fu vietato di insegnare, ma durante questo periodo la filosofia è tornata in vita. Naturalmente, questo è stato reso possibile non solo a causa di Il’enkov, ma era il leader dichiarato della “nuova onda” nella filosofia sovietica.

La prima cosa che Il’enkov fece fu una semplice domanda: qual è l’oggetto della filosofia? E ha dato una risposta altrettanto semplice: è il pensiero, le sue leggi e categorie. Il lavoro del filosofo è di pensare al pensiero, esplorando il “mondo delle idee” e un posto che l’io umano (l’“anima”, la personalità) occupa in questo mondo. Se così fosse, allora la filosofia marxista-leninista non potrebbe più pretendere di essere la “visione scientifica del mondo”, una scienza del “mondo nel suo insieme”. Si trasformò in scienza della Logica (Il’enkov fu usato per scrivere questa parola con lettera maiuscola per distinguere la Logica contenutistica e dialettica dalla logica formale, con la minuscola). L’elaborazione della Logica dialettica è diventata per Il’enkov il lavoro di una vita.

2. Che rapporti ebbe Il’enkov con la storia di altri pensatori marxisti innovativi nelle democrazie popolari dell’Est? Penso ad Adam Schaff, la Scuola di Budapest, Kosik o il gruppo Praxis in Jugoslavia.

Il’enkov difficilmente metterebbe su una riga i filosofi che hai elencato, soprattutto Schaff. Il’enkov considerava vuoti e dannosi tutti i tentativi di combinare la Logica dialettica con quella neopositivista, così come “integrare” il marxismo con vedute esistenzialiste sulla personalità umana. Generalmente, il suo atteggiamento verso i marxisti occidentali era piuttosto diversificato. Potete trovare alcune riflessioni su questo argomento nel mio articolo «Il Triangolo di Il’enkov».

Ėval’d Vasil’evič Il’enkov

3. Uno dei suoi più importanti punti di riferimento filosofici fu senza dubbio Spinoza, che egli considerava il grande precursore del marxismo, colui che aveva raggiunto il picco del materialismo pre-marxista.

Il’enkov amava la concezione materialista del pensiero data dal filosofo olandese, ovvero il pensiero non come manifestazione di una sostanza spirituale separata ma come attività di un corpo materiale speciale – un’attività sulla logica degli oggetti al di fuori di questo corpo pensante. Da qui deriva che l’uomo è attività. Qualsiasi sistema voglia ridurre l’uomo ad esecutore passivo di piani economici e sociali ideati in un altrove indeterminato ed espressione di gruppi lobbistici, non si può che definirlo totalitario. Ogni totalitarismo ed integralismo esige che l’umanità sia al servizio del potere. Spinoza volle mostrare che speranza ed ansia sono l’effetto di idee inadeguate e pertanto la religione trova linfa in esse, rendendo gli uomini oggetto del destino. Hegel e Marx, da prospettive diverse, ma non opposte, mostrarono che il capitalismo è profondamente anticomunitario, trasforma tutto in merce, disintegra le comunità, smantella la vita nella sua forma più alta: il pensiero comunitario consapevole.

Il risvolto pratico di questa riflessione è ovviamente una critica serrata dell’idea di modernizzazione capitalistica ma anche del suo legame con la metafisica del progresso alla base di ogni concezione borghese del mondo. Ritiene quindi possibile usare Il’enkov come rilettura in senso comunitarista del marxismo?

In effetti, Il’enkov era molto appassionato di Spinoza. E io, come molti altri, ero affascinato dal Secondo Saggio della sua Logica Dialettica. Mi ha spinto a studiare più a fondo le opere di Spinoza e una vasta gamma di letteratura critica. Nel corso degli anni, sono giunto alla conclusione che nessuno studioso serio di Spinoza sosterrà la lettura di Il’enkov. Il pensiero è “solo una proprietà, un predicato, un attributo di un corpo”, per esempio del modo di estensione? È un corpo che produce idee, modi di pensiero?

È difficile immaginare qualcosa di più estraneo alla posizione di Spinoza. Per Spinoza, l’espressione “corpo pensante” è un’assurdità come il “pensiero fisico”. Entrambe sono solo chimere del linguaggio.

La storia del “corpo pensante” è presa spesso per rappresentare le opinioni proprie di Il’enkov sulla natura del pensiero. In risposta, vorrei richiamare la vostra attenzione su due fatti indiscutibili. I) Il’enkov non ha mai, mai usato l’espressione “corpo pensante” nella sua teoria marxista del pensiero. II) Alla fine del Secondo Saggio, Il’enkov, a nome di Marx, rettifica l’errore commesso dal suo caro materialista Spinoza: il soggetto del pensiero è il lavoro, non un corpo qualsiasi.

«Il lavoro è il processo di cambiamento della natura attraverso l’azione dell’uomo sociale, ed è il “soggetto” a cui il pensiero appartiene come “predicato”».

Essendo marxista, Il’enkov considera l’uomo non come un “corpo pensante”, ma come un microsocium – “insieme di relazioni sociali”, idealmente rappresentato nel corpo umano.

Non mi è del tutto chiaro che cosa intendete con una “reinterpretazione comunitaria del marxismo”. Certo, Il’enkov era comunista, ma non considerava il capitalismo contemporaneo come un cadavere in decomposizione, incapace di ulteriore sviluppo o modernizzazione. Vorrei aggiungere che negli anni ’70 Il’enkov non aveva illusioni sulla vittoria del socialismo sul capitalismo. Disse ai suoi amici, più di una volta, che l’Unione Sovietica stava andando diritto al suo crollo – «alla scure», per come lo ha detto.

4. Che legame sussiste tra la valorizzazione di Spinoza come precursore del materialismo dialettico di Marx e la rilettura spinoziana dello stesso offerta ultimamente da Toni Negri?

Nella maggior parte dei casi di cui sono a conoscenza, le convergenze fra Spinoza e Marx sono piuttosto forzate. Non la chiamerei “legame”. Questo non giova alla comprensione né di Spinoza né di Marx.

È ben noto che Marx collocò Spinoza sotto i materialisti francesi, per non parlare di Feuerbach. È facile da vedere aprendo la Sacra Famiglia. Sono d’accordo che Marx può essere considerato un erede di alcune delle idee principali di Spinoza. Ma ancora, Marx ha chiamato i suoi precursori principali a chiare lettere: in filosofia, sono Hegel e Feuerbach.

Per quanto riguarda la reinterpretazione spinozistica di Marx da parte di Negri, la trovo arguta e operativa, ma terribilmente lontana dalla comprensione materialistica della storia. La logica strutturalista/postmodernista mi sembra avversa, nel suo nucleo autentico, alla logica dialettica di Il’enkov.

Danse du Printemps, Francis Picabia, 1911

5. Che importanza ha la figura di Il’enkov negli studi marxisti che si sviluppano nel mondo ex sovietico? Questo pensatore viene valorizzato delle locali organizzazioni comuniste?

Il’enkov è senza dubbio una figura di spicco nelle associazioni comuniste post-sovietiche, e i suoi libri sono richiesti. Filosofi dall’Ucraina e dal Kazakistan partecipano alle annuali Letture di Il’enkov. Tuttavia, non vedo alcun serio sviluppo della ricerca marxista in quelle aree.

6. Come giudica la situazione del pensiero marxista nell’ex-URSS?

La situazione è molto infelice. Se mi chiedete quale libro marxista valido è stato scritto in russo dopo la Logica Dialettica (1974), avrei difficoltà a rispondere.

7. Che legame sussiste tra la critica dell’economicismo mossa dalla Rivoluzione Culturale cinese e la contemporanea analisi critica sul tema fatta da Il’enkov?

Non sono sicuro che una tale relazione esista. Ma vorrei dire qualche parola sull’atteggiamento di Il’enkov nei confronti del maoismo. È appena uscito il quarto volume delle Opere Complete di Il’enkov, che contiene due articoli sul tema cinese. Nell’Appendice I sono stati inseriti diversi frammenti tagliati dalla censura, che chiariscono come Il’enkov considerasse Mao, cito, «un allievo e successore di Stalin, e non Marx, Engels, e Lenin». E la “rivoluzione culturale” maoista è un tumore cancerogeno, che è altamente pericoloso per il movimento comunista mondiale. Pure questa è quasi una citazione.

Lev Semënovič Vygotskij

8. Il’enkov era un grande studioso della pedagogia. Che rapporto c’è tra la sua elaborazione filosofica è l’idea di pratica pedagogica di Vygotskij e di Makarenko?

Come Vygotskij, Il’enkov ha caricato la pedagogia (basata sulla psicologia storico-culturale) del compito di generare un nuovo tipo di personalità umana. Dev’essere una personalità universale, armoniosamente sviluppata. Solo tali persone possono costruire una comune auto-governata e sono in grado di liberarsi dal potere del mercato e dei meccanismi dello stato. Purtroppo, la pratica pedagogica delle scuole sovietiche ha portato a un tipo completamente diverso, e di massa, di personalità, – un “cretino professionale” necessario per lavorare sulla catena di montaggio in fabbrica, su piantagioni di cotone, per procedure del servizio militare, ecc. La nostra pratica pedagogica portò Il’enkov alla disperazione.

9. Collegandomi alla domanda precedente, che legame possiamo trovare tra la tradizione pedagogica sovietica e gli sviluppi in questo campo di marxisti come Paulo Freire?

Per me è difficile valutarlo.

10. Per chi oggi nella scuola si batte contro il dominio dell’economicismo e la privatizzazione dell’istruzione, che lezioni possiamo trarre da Il’enkov?

Il’enkov difese «un integrale, universale, uguale per tutta l’istruzione politecnica» (queste sono le sue parole). Così avrebbe certamente sostenuto la vostra «lotta contro il dominio dell’economicismo e la privatizzazione dell’istruzione». Ma soprattutto, Il’enkov si preoccupò per la specializzazione dell’istruzione scolastica e la creazione di scuole separate per bambini dotati. Pensava che fosse una tendenza dannosa e molto pericolosa.

— Intervista a condotta dal Bollettino Culturale

1 Reply to “Intervista al professor Andrej D. Majdanskij”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.