Gli scioperi selvaggi degli anni ’60 e ’70 in una dimensione europea

Il fenomeno dello “sciopero selvaggio” va inquadrato nella fase finale di un prolungato periodo di crescita industriale che Eric Hobsbawm ha descritto come l’età dell’oro del capitalismo del dopoguerra e che, nell’ambiente accademico, è stato chiamato “Il trentennio glorioso”. Una sua fondamentale caratteristica è il luogo di origine di questo conflitto: la grande industria, in particolare, quella dell’automobile. Si trattava di scioperi spontanei, che chiedevano un aumento salariale o si opponevano alle condizioni di lavoro della fabbrica fordista e si svolgevano all’interno del luogo di lavoro con modalità particolarmente dure e organizzate al di fuori del controllo sindacale. Questa tipologia di scioperi sono stati eccezionalmente intensi, i più forti del XX secolo, sia in termini di numero di ore di lavoro perse che di numero di paesi interessati. Infine, la composizione di classe del proletariato industriale ci mostra che la punta di diamante di questi conflitti erano quei lavoratori privi di qualifiche professionali, per lo più giovani e immigrati di prima generazione, con poca o nessuna partecipazione sindacale negli anni precedenti. Gli obiettivi che questi lavoratori si erano prefissati erano simili in tutti i paesi in cui si verificò questo tipo di conflitto: in primo luogo, un aumento dei salari e una riduzione dell’orario di lavoro, seguito da un ampio spettro di richieste, tendenti a ridurre le differenze tra lavoratori qualificati e non qualificati. In secondo luogo, si teneva conto di tutti gli aspetti del lavoro: dalle pause alle sanzioni disciplinari, passando per le misure contro gli infortuni sul lavoro e la qualità del servizio in mensa. Questi scioperi erano generalmente descritti come “selvaggi”, poiché erano organizzati al di fuori dell’organizzazione sindacale e avevano lo scopo di causare il massimo danno possibile alla produzione. Nel 1948 uno dei massimi rappresentanti del comunismo consiliarista, l’olandese Anton Pannekoek, spiegò l’importanza e la natura di questo tipo di pratica:

The growth and development of capitalism in the 20th century has brought about numbers of new social phenomena and economic conditions. Every socialist who stands for uncompromising class fight, has to study these changes attentively, because it is on them that depends how the workers have to act to win victory and freedom; many old conceptions of revolution can now take more distinct shape. This development increased the power of capital enormously, gave to small groups of monopolists dominance over the entire bourgeoisie, and tied State power ever faster to big business. It strengthened in this class the instincts of suppression, manifest in the increase of reactionary and fascist trends. It made the trade unions ever more powerless over against capital, less inclined to fight; their leaders ever more became mediators and even agents of capital, whose job it is to impose the unsatisfactory capital-dictated working conditions upon the unwilling workers. The strikes ever more take the form of wild strikes, breaking out against the will of the union leaders, who then, by seizing the leadership, as soon as possible quell the fight. Whereas in the field of politics all is collaboration and harmony of the classes — in the case of the C. P. accompanied by a semblance of revolutionary talk, such wild strikes become ever more the only real bitter class-fight of the workers against capital.

After the war these tendencies are intensified. Reconstruction, reparation of the devastation or shortness of productive forces, means capitalist reconstruction. Capitalist reconstruction implies more rapid accumulation of capital, more strenuous increase of profits, depression of the standard of life of the workers. State power acquires now an important function in organizing business life. In the devastated Europe it takes the supreme lead; its officials become the directors of a planned economy, regulating production and consumption. Its special function is to keep the workers down, and stifle all discontent by physical or spiritual means. In America, where it is subjected to big business, this is its chief function. The workers have now over against them the united front of State power and capitalist class, which usually is joined by union leaders and party leaders, who aspire to sit in conference with the managers and bosses and having a vote in fixing wages and working conditions. And, by this capitalist mechanism of increasing prices, the standard of life of the workers goes rapidly downward.

In Europe, in England, Belgium, France, Holland — and in America too, we see wild strikes flaring up, as yet in small groups, without clear consciousness of their social role and without further aims, but showing a splendid spirit of solidarity. They defy their “Labor” government in England, and are hostile to the Communist Party in government, in France and Belgium. The workers begin to feel that State power is now their most important enemy; their strikes are directed against this power as well as against the capitalist masters. Strikes become a political factor; and when strikes break out of such extent that they lay flat entire branches and shake social production to its core, they become first-rate political factors. The strikers themselves may not be aware of it — neither are most socialists– they may have no intention to be revolutionary, but they are. And gradually consciousness will come up of what they are doing intuitively, out of necessity; and it will make the actions more direct and more efficient.

Dallo sviluppo economico degli anni precedenti è scaturito lo scoppio delle tensioni che hanno coinvolto direttamente la fabbrica, i sindacati e la classe operaia. Ha creato nuove relazioni di potere tra lavoratori industriali e padroni. La richiesta di aumentare massicciamente la produzione automobilistica, in risposta alla domanda del mercato, ha portato ad una forte intensificazione dei ritmi di lavoro e, di conseguenza, ad un netto peggioramento delle condizioni in fabbrica. Le testimonianze dei lavoratori su questo periodo sono assolutamente coerenti nel descrivere le officine e gli impianti come un “vero inferno”, dominato da rumore, condizioni malsane, stanchezza fisica e mentale, l’autoritarismo dei padroni, tra le altre cose. Analizzato come fenomeno globale, in cosa consistevano questi “scioperi selvaggi”? O, in altre parole, quali erano le pratiche che i lavoratori dell’industria attuavano nel contesto del conflitto tra capitale e lavoro? Partendo dall’analisi sull’origine dei danni arrecati al processo produttivo, si distinguono le seguenti tipologie di pratiche operaie applicate:

Interruzione della produzione: che i lavoratori cercassero, interrompendo il lavoro, di interrompere la produzione, è ovvio. Ma osserviamo varie tattiche per perseguire questo obiettivo. Prima tattica: lo sciopero illimitato di tutta la fabbrica. Ciò disorganizzava il processo di produzione in quanto il danno viene potratto nel tempo, poiché la maggior parte delle volte la sua dichiarazione era senza preavviso, e poiché il sostegno di picchetti esterni era un fenomeno comune (cioè al di fuori del complesso della fabbrica) assieme alla confisca degli strumenti di lavoro e all’occupazione dei luoghi di lavoro. Seconda tattica: lo sciopero parziale. Si trattava di arresti per sezione e / o reparto ripetuti ad intervalli regolari da una o tutte le categorie di lavoratori (sciopero a singhiozzo). In Francia e in Italia veniva utilizzato un altro tipo di sciopero parziale chiamato grève tournante (sciopero a scacchiera in italiano), che consisteva nello spostare l’interruzione del lavoro da un reparto all’altro.

Rallentamento della produzione: non comporta un arresto della produzione che viene ridotta dagli operai in una proporzione più o meno importante. Tra le pratiche operaie di rallentamento della produzione si possono segnalare l’azione diretta della riduzione dell’orario di lavoro, assenteismo e lavoro “riluttante”. Utilizzando una qualsiasi di queste pratiche, la riduzione della produzione è il risultato di un rallentamento del lavoro per un tempo più o meno prolungato. Pertanto, queste azioni hanno assunto più forme. Ad esempio, rallentando la produzione si impediva all’Ufficio Tempi e Metodi di fissare standard di produzione. Molte volte i lavoratori hanno rifiutato i tempi. Come si vede, questa pratica si è manifestata attraverso le pressioni esercitate sul cronometrista, generando un’inefficienza produttiva perfettamente studiata: gesti e ritmi lenti, azioni aggiunte per affrontare i problemi di sicurezza e qualità, nonostante gli imperativi prescritti dall’ufficio metodi. Un’altra forma di azione consisteva nella decisione del lavoratore di lavorare al suo ritmo “naturale” o di stabilire un ritmo di lavoro collettivo inferiore a quello richiesto dall’azienda. Oppure, un’altra pratica consisteva nell’applicazione rigorosa delle indicazioni prescritte dalla normativa aziendale, la cui rigorosa osservanza rendeva impossibile il normale svolgimento del ciclo produttivo.

Infine, la tattica più usata dai metalmeccanici era il lavoro “riluttante”, poiché anche il più semplice dei lavori ripetitivi richiedeva un’iniziativa minima da parte dell’esecutore. Questa pratica consisteva nel rigetto di ogni iniziativa non obbligatoria: il lavoratore eseguiva il minimo in ciascuna delle operazioni prescritte. Quando si verificava un incidente, non si assumeva alcuna responsabilità, nascondendosi nella scala gerarchica da cui dipendeva. Pertanto, ha eseguito ma non ha controllato il lavoro finito ed era disinteressato al corretto funzionamento dei macchinari. Queste pratiche esprimevano una risposta dei lavoratori adeguata al sistema tecnico della produzione in serie e alle modalità di remunerazione legate alle prestazioni tipiche dell’ambiente produttivo. Ma hanno anche significato una forte messa in discussione dei valori stabiliti dalla società industriale e dal modello di organizzazione sindacale come struttura rappresentativa e rivendicativa. La paralisi della produzione può significare una critica implicita dello sviluppo capitalista, nonché una manifestazione di opposizione alla divisione tecnica e sociale del lavoro. Il denominatore comune in questi “scioperi selvaggi” era l’energica sfida al potere del comando capitalista attraverso il rifiuto del lavoro.

Il controllo esercitato dagli operai dell’industria sulle lotte che conducevano era sostenuto dalla razionalizzazione tecnica della produzione, che conferiva importanti poteri di disorganizzazione a certi gruppi di lavoratori. Tradizionalmente la radicalizzazione operaia si inscriveva in un contesto caratterizzato da due fenomeni: 1) l’ingresso in scena delle masse escluse e senza voce; 2) un’economia di sussistenza per la classe operaia. Tuttavia, nel periodo 1968-1973, il radicalismo è riapparso con l’evoluzione tecnologica e in un nuovo contesto, vale a dire, con una vigorosa rappresentanza politica della classe operaia e in un’economia di relativa abbondanza. Sosteniamo la nostra spiegazione sottolineando che l’evoluzione tecnologica, e parallelamente lo sviluppo dell’organizzazione industriale fordista, hanno reso le fabbriche più vulnerabili a questo tipo di sciopero. La crescente complessità dei prodotti, la divisione del lavoro, la crescente importanza del capitale fisso, il numero crescente di lavoratori che dovevano continuare a ricevere il loro salario in caso di sciopero illimitato degli operai. Tutti questi elementi rendevano le fabbriche moderne estremamente sensibili a qualsiasi disturbo, per quanto minimo.

In definitiva, gli “scioperi selvaggi” sono stati un fenomeno globale che è stato influenzato dalla valorizzazione del capitale del dopoguerra e dall’organizzazione del lavoro in fabbrica. L’inserimento di nuovi strati di lavoratori nell’industria, la loro marginalità sindacale e il crescente controllo acquisito dai lavoratori non qualificati sono i fattori che, a vario titolo, spiegano queste pratiche operaie. Di seguito descriviamo brevemente le ondate più rappresentative di “scioperi selvaggi” avvenute nel periodo compreso tra la fine degli anni ’60 e gli anni ‘70 in Francia, Italia e Germania Ovest.

Francia

Dal 1968 al 1971, i lavoratori delle fabbriche automobilistiche di Renault-Cléon, Renault-Flins, Mans, Peugeot-Sochaux e Renault-Billancourt scatenarono una serie di scioperi che rese visibile un’insubordinazione operaia generalizzata. Nei mesi di maggio e giugno 1968, gli operai di Billancourt occuparono gli stabilimenti del complesso industriale e denunciarono le condizioni di lavoro, le intimidazioni della direzione e i tempi imposti alla produzione. D’altra parte, molti lavoratori denunciavano esplicitamente il sistema di remunerazione legato alla produttività, che il più delle volte si traduceva in bassi salari. Questa forma di remunerazione ricadeva sui lavoratori algerini, portoghesi e spagnoli, la cui situazione mostrava una forte discriminazione nei confronti dei lavoratori immigrati in termini di condizioni di lavoro e avanzamento sociale. Per questo motivo, la piattaforma di lotta dei lavoratori immigrati esprimeva l’abolizione dei contratti temporanei, la lotta contro i salari legati alla produttività, la discriminazione nella promozione sociale e la discriminazione razziale sul lavoro. Esprimeva il contrasto alle restrizioni dell’esercizio dei diritti sindacali. Infine, si richiedeva l’alfabetizzazione dei lavoratori immigrati con il sostegno delle istituzioni dello Stato francese. Queste istanze dei lavoratori hanno in gran parte messo in discussione l’organizzazione del lavoro e la gestione del lavoro da parte delle aziende, ma hanno anche messo in luce le carenze rappresentative dei sindacati. Questioni rimaste ignorate nei negoziati tra l’azienda e le organizzazioni sindacali (Confédération Française Démocratique du Travail e Confédéderation Générale du Travail). Nello stesso anno, il 15 maggio, i lavoratori di Cléon scioperarono, prendendo in ostaggio il direttore della fabbrica e ingaggiando un lungo conflitto che mise profondamente in discussione l’organizzazione del lavoro. Il giorno successivo, i lavoratori della Renault di Flins occuparono la fabbrica. La situazione è diventata esplosiva quando il 6 giugno la polizia ha cercato di porre fine al loro sciopero con la forza. Ciò ha favorito l’unione tra studenti, lavoratori e popolazione locale, generando scontri di strada che superavano la ristretta cornice della fabbrica. Come a Sochaux, l’occupazione ha contribuito ad alimentare la rivolta dei lavoratori e l’intervento delle forze dell’ordine ha radicalizzato di più i conflitti.

Dopo le violente manifestazioni dell’ottobre 1967 e lo sciopero nella primavera del 1968, i lavoratori non qualificati di Mans moltiplicarono i conflitti tra il 1969 e il 1971. Nel febbraio e nel marzo 1969 scoppiò uno sciopero parziale nella catena di montaggio perché gli operai rifiutarono il salario legato alla produttività, facendo perdere all’azienda la produzione di 3.200 veicoli. Nell’ottobre dello stesso anno, nell’officina del trattamento termico è stato dichiarato uno sciopero per le condizioni igienico-sanitarie. Infine, il 2 aprile 1971, gli operai non qualificati dell’officina FF si inserirono in queste lotte contro il salario legato alla produttività, che ha portato, a partire dal 29 aprile, ad uno sciopero con l’occupazione dell’intero stabilimento di Mans. Questo conflitto è stato esteso a Billancourt, i cui lavoratori hanno deciso di occupare la fabbrica, al fine di evitare una serrata del padrone. Tuttavia, la CGT ha rifiutato esplicitamente la possibilità di parlare di uno sciopero in uno qualsiasi di questi casi. Dopo diverse settimane di trattative, il 24 maggio i lavoratori di Mans votarono il ritorno al lavoro mentre a Billancourt sono tornati per ordine della CGT. Tuttavia, in ogni caso, questo ciclo di scioperi ha rovinato il prestigio del metodo di remunerazione legata alla produttività in Francia, e ha realizzato alcune timide riforme nel sistema di remunerazione e nelle condizioni di lavoro. A questo punto, ci interessa indicare i lavoratori immigrati come i principali protagonisti di questi scioperi, dato che hanno disobbedito alle organizzazioni sindacali con le proprie rivendicazioni. Nonostante il ruolo di mediazione della CGT e della CFDT, gli operai non qualificati dichiararono la maggior parte degli scioperi selvaggi del periodo, occupando un posto eminente nel conflitto sociale in Francia, a partire dal 1968.

Italia

Nel 1968 la FIAT Mirafiori, con sede a Torino, era la più grande fabbrica automobilistica del mondo e il cuore operaio e industriale d’Italia. Aveva una superficie di tre milioni di metri quadrati, 37 cancelli distribuiti su dieci chilometri, 40 chilometri di binari ferroviari interni, 40 linee di montaggio e una popolazione attiva di oltre 50.000 persone. La maggior parte dei suoi lavoratori, principalmente quelli direttamente impegnati nella produzione, erano giovani immigrati del nostro Mezzogiorno. L’immigrazione del secondo dopoguerra fu uno dei fenomeni più importanti del “miracolo economico italiano”. Tra il 1955 e il 1971 le migrazioni interregionali hanno interessato più di 9 milioni di persone. Gli immigrati, per la maggior parte, provenivano dalle regioni arretrate del Sud Italia, ma anche dal Veneto e da altre aree non industrializzate del nord. La disponibilità di un gran numero di operai per la mobilitazione in fabbrica cominciò ad essere percepibile negli scioperi avvenuti nel febbraio 1969. Il primo giorno del mese si sono svolte manifestazioni contro il tentativo della direzione di imporre l’orario di lavoro il sabato pomeriggio, il 5, contro i licenziamenti effettuati e il 12, per abolire le zone salariali. Tali proteste, convocate e dirette dai sindacati italiani (Confederazione Generale Italiana del Lavoro, Confederazione Italiana Sindacati dei Lavori, Unione Italiana del Lavoro), non hanno avuto esiti favorevoli a causa dell’intransigenza padronale. Da parte loro, i sindacati hanno puntato maggiormente sugli aumenti salariali e la possibilità di partecipare alla gestione del processo produttivo.

A partire da aprile, i disordini e gli scioperi spontanei hanno assunto un carattere massiccio e, a maggio, sono esplosi con forza. Quando la Cgil e la Uil tentarono la negoziazione di un nuovo contratto collettivo, non hanno tenuto conto dei lavoratori non qualificati e non sindacalizzati, che sono stati erroneamente considerati i meno bellicosi. Pertanto, i lavoratori non qualificati hanno rifiutato la leadership sindacale per quanto riguarda gli obiettivi e le forme di lotta. Su questa base, la Carrozzeria e il famoso Reparto Assemblaggio 54 (le fasi finali del ciclo produttivo) sono stati coinvolti negli scioperi che hanno assunto forme assolutamente incontrollabili. La maggior parte dei lavoratori meridionali, assunti di recente, relativamente giovani, privi di una particolare qualifica professionale e impiegati nelle mansioni più frammentate e non qualificate, hanno svolto un ruolo importante nella continuità di una mobilitazione che aveva nuove caratteristiche di lotta. Le richieste dei lavoratori si concentravano sugli aumenti salariali per tutti, senza distinzione di categoria.

Le forme di lotta erano le stesse del 1968, a Billancourt, in Francia: scioperi improvvisi e articolati, ai quali a Mirafiori si aggiunsero i “cortei interni”, che erano manifestazioni all’interno della fabbrica. All’inizio, i sindacati contrastarono le richieste egualitarie, ma la base operaia li ignorava. La direzione del conflitto è stata assunta da un’organizzazione non ufficiale chiamata “Assemblea operai e studenti” che ha diffuso le sue linee guida attraverso il settimanale La Classe, che ha iniziato ad essere pubblicato nel maggio 1969.

Lo sconvolgimento nelle officine Carrozzeria e Assemblaggio è proseguito, nei giorni di maggio, con interruzioni improvvise, scioperi di otto ore, cortei interni e il blocco quasi totale della produzione. Bloccate anche le autorimesse da cui dovevano partire i camion carichi di prodotti finiti. Alcuni settori della Meccanica sono scesi in sciopero, nonostante l’accordo sulle categorie che l’azienda e la Cgil avevano sottoscritto. Verso la fine di giugno Mirafiori era praticamente paralizzata e la FIAT non osava mettere in atto le sue minacce. Gli oltre cinquanta giorni di scioperi spontanei sono costati all’azienda la perdita di circa 40.000 vetture. Nel corso di questi conflitti la società ha chiesto di trattare direttamente con gli scioperanti, vista l’inconsistenza della dirigenza sindacale. Gli accordi firmati a fine giugno hanno riconosciuto un aumento salariale, ma non hanno fatto alcuna concessione alle istanze egualitarie degli operai. Tuttavia, pochi giorni dopo, uno sciopero generale proclamato dai sindacati, a causa del problema degli alloggi, si è concluso con violenti scontri nei quartieri popolari. Questi eventi hanno avuto come protagonisti gli stessi soggetti sociali che avevano condotto gli “scioperi selvaggi” nel maggio-giugno di quell’anno: lavoratori ordinari e non qualificati, soprattutto giovani e immigrati ben descritti da Nanni Balestrini nel noto romanzo “Vogliamo tutto”.

Gli scontri del 3 luglio 1969 a Torino, con epicentro in Corso Traiano (il viale da cui si accede allo stabilimento di Mirafiori), significarono ancora una volta un’esplosione di violenza operaia che sfuggì completamente al controllo del movimento operaio istituzionale. Gli incidenti sono avvenuti in uno sciopero generale indetto dai tre sindacati per chiedere il congelamento degli affitti. L’obiettivo dello sciopero era riportare l’attenzione su una dirigenza sindacale che, durante le lotte spontanee della primavera, era stata completamente ignorata. Tuttavia, l’organo informale che ha coordinato il precedente ciclo di lotte, l’“Assemblea operai e studenti” ha subito convocato una manifestazione alle porte di Mirafiori e ancora una volta ha assunto la guida del movimento. Di fronte all’intervento delle forze dell’ordine in Corso Traiano, i manifestanti hanno reagito erigendo barricate e si sono confrontati con le forze dell’ordine fino a tarda notte. L’atteggiamento violento della polizia, che ha fatto irruzione nelle case con gas lacrimogeni, ha provocato l’insurrezione degli abitanti del quartiere adiacente alla fabbrica. Si sono quindi uniti ai manifestanti negli scontri. Questi eventi e gli scioperi di maggio-giugno alla FIAT hanno prodotto un enorme effetto politico. Così, la lotta a Mirafiori è diventata finalmente un evento pubblico. I conflitti e la situazione dei lavoratori immigrati hanno lasciato la fabbrica e si sono imposti come un elemento importante sulla scena politica e sindacale.

Da quel momento partiti, sindacati e istituzioni hanno dovuto tener conto della variabile dell’autonomia dei lavoratori. Quando il conflitto in fabbrica è ripreso dopo le vacanze estive, sia l’azienda che i sindacati erano preparati. La FIAT ha reagito immediatamente ai nuovi “scioperi selvaggi”, aprendo le pratiche di regolamentazione del lavoro a più di 30.000 lavoratori e inaugurando così l’’“Autunno Caldo”. L’“Autunno Caldo” italiano fu un ciclo di lotte operaie che iniziò alla fine dell’agosto 1969. Alla FIAT, ripresero gli scioperi spontanei e articolati che avevano danneggiato la produzione automobilistica a maggio e giugno dello stesso anno. Questa volta la situazione sembrava più grave perché l’officina in sciopero era la numero 32. Questa occupava una posizione nevralgica ed è bastato quindi il suo blocco a paralizzare gran parte della produzione. Si aprì così con la massima durezza il conflitto per il rinnovo del contratto dei metalmeccanici, principale settore lavorativo italiano. A questi sono seguiti i lavoratori del settore chimico e dell’edilizia. I sindacati che, in primavera, erano stati allontanati dalla guida delle lotte, hanno dimostrato una notevole capacità di reazione e di adattamento alle richieste dei lavoratori. Pertanto, intrapresero la strada dell’unità sindacale, presentando la piattaforma di lotta attraverso consultazioni di base. Inoltre, approvarono alcune delle principali richieste egualitarie, compreso l’identico aumento salariale per tutti. A loro volta, sostituirono le screditate commissioni interne con consigli di fabbrica. Il confronto si rafforzò rapidamente . Le ore di sciopero si moltiplicarono e il 19 novembre venne raggiunta una forte tensione con l’omicidio dell’agente Antonio Annarumma, durante uno scontro tra operai e polizia.

Il 28 di quel mese, a Roma, manifestarono 100.000 metalmeccanici da tutta Italia, con l’obiettivo di fare pressione su Confindustria. Il ministro del Lavoro, Carlo Donat Cattin, democristiano, è intervenuto direttamente nella trattativa, ponendosi a favore delle richieste sindacali. Per tutto il mese di dicembre le trattative sono proseguite in un clima condizionato dall’attentato alla Banca Nazionale dell’Agricoltura a Milano. A fine dicembre la Confindustria, in bilico tra conflitto sindacale e pressioni governative, siglò un accordo in cui accettò gran parte delle richieste sindacali. Gli effetti di questo anno esplosivo  segnarono l’Italia per l’intero decennio successivo. Nelle fabbriche, gli accordi firmati alla fine del 1969 non sono riusciti a placare il conflitto sociale. Infatti, durante la primavera del 1970, gli scioperi spontanei ripresero e continuarono per tutto il decennio.

Germania Ovest

Nel 1969 e nel 1973 due grandi ondate di scioperi scossero la Repubblica Federale Tedesca. La prima è stato condotta da minatori e lavoratori della siderurgia. La seconda dagli operai del settore automobilistico. I lavoratori non qualificati, assegnati ai lavori più duri, si sono mobilitati senza l’impulso dei sindacati (nel caso dei minatori, IG Bergbau; nel caso della siderurgia, IG Metall). Gli analisti consideravano questi scioperi “selvaggi” (Wilde Streiks) o “spontanei” (Spontane Streiks) . Sono stati etichettati in questo modo per indicare che i lavoratori si erano spostati al di fuori del sindacato e del quadro giuridico. Nella Germania Ovest, infatti, secondo il principio dell’ultima ratio, nessuno sciopero potrebbe essere iniziato senza aver prima esaurito tutte le possibilità di negoziazione, inoltre, dovrebbe essere dichiarato solo dal sindacato. Allo stesso modo, nessun conflitto poteva essere provocato durante la validità di un contratto collettivo o sui punti trattati: i firmatari si sono impegnati a rispettare il “dovere della pace sociale” (Friedenspflicht). Attraverso questo complesso sistema istituzionale, la fabbrica era un luogo “deconflittualizzato ” e ogni tentativo di lotta frontale contro lo Stato era bloccato a monte. In altre parole, la normativa vigente ha circoscritto lo sciopero a livello di branca produttiva, uno spazio politicamente neutro, derivante dalla divisione dell’economia per attività di settore, per ricercare il consenso come modalità privilegiata di regolazione di eventuali conflitti.

Ora, nel caso delle lotte del 1969 e del 1973, lo sciopero è stato proclamato in fabbrica. I lavoratori si sono gettati nel conflitto sul posto di lavoro, per affrontare problemi specificamente industriali. Se ci concentriamo sul 1973, quando la maggior parte delle lotte erano guidate da lavoratori del settore automobilistico, 275.000 lavoratori scioperarono in 335 fabbriche. Spesso questi scioperi non durarono più di pochi giorni, ma allo stesso tempo si svilupparono, in modo scaglionato, in quasi tutto il territorio della Germania occidentale e per tutto l’anno. Ci fu un picco nel mese di agosto, mentre gli scioperi hanno interessato un centinaio di complessi automobilistici. Questo movimento è stato così importante che il Cancelliere Willy Brandt ha deciso di incontrare i rappresentanti dei sindacati e delle associazioni dei datori di lavoro il 24 di agosto. Nello stesso giorno, circa 70.000 lavoratori, operai non qualificati della Opel, a Bochum, e della Ford, a Colonia, hanno deciso di interrompere spontaneamente il lavoro (Spontane Arbeitsniederlegung). Il più grande contingente tra questi lavoratori automobilistici in conflitto era quello di nazionalità turca. Karl Heinz Roth ha sostenuto che su un numero totale di lavoratori in sciopero, i lavoratori turchi hanno raggiunto la cifra di 12.000 operai. L’autore ha sottolineato che questi lavoratori “(…) lavorano nelle posizioni più difficili nella catena di montaggio, per salari orari del 20% inferiore alla media. Con ritmi quasi il doppio rispetto alla Volkswagen “.

Venerdì 24 agosto 1973, gli operai delle linee di assemblaggio finale dello stabilimento Ford di Colonia rifiutarono l’aumento dei tassi di lavoro richiesto dall’azienda e si fermarono. Va notato che il 90% dei lavoratori era di nazionalità turca. Gli scioperanti hanno rapidamente preso il controllo della fabbrica e organizzato un’assemblea in cui si sono riunite circa 1 000 persone. In questa assemblea, le richieste hanno preso forma: ritiro della cassa integrazione, aumenti uguali per tutti e un rallentamento della velocità della linea. Tutti gli operai del turno di pomeriggio erano in sciopero, i lavoratori del turno di notte hanno seguito il loro esempio. Lunedì, l’assemblea ha eletto un comitato dello sciopero che ha emesso tre risoluzioni: “divieto di bere alcolici durante lo sciopero, nessuna violenza contro i lavoratori che volevano lavorare, non è consentita la distruzione di macchine”. Allo stesso modo, ha stabilito una lista di cinque punti delle loro proposte: 1) aumenti uguali per tutti; 2) sei settimane di ferie retribuite per tutti; 3) revoca della cassa integrazione; 4) pagamento del salario per i giorni di sciopero; e 5) nessuna sanzione per gli scioperanti. Se guardiamo agli altri scioperi nel 1973 nella Germania federale, possiamo vedere che le richieste di aumenti salariali in cifre reali, giorni di sciopero retribuiti, tassi di produzione inferiori e sanzioni per assenteismo erano all’ordine del giorno. Questa disponibilità, da parte dei lavoratori non qualificati, a trovare una soluzione più equa ai problemi della fabbrica è apparsa in quasi tutti i conflitti. Nello stabilimento Pierburg di Neuss a metà agosto, i lavoratori hanno chiesto l’abolizione dello scaglionamento salariale per le categorie meno qualificate e lo Schumutzzulage per tutti.

A luglio, i lavoratori non qualificati di Hella a Lippstadt chiedevano un “compenso per il costo della vita” (Teuerungszulage) per tutti, mentre la direzione aveva offerto solo ai tecnici un aumento salariale. A Mannheim , i lavoratori della John Deere hanno interrotto il lavoro durante il mese di maggio chiedendo promozioni e rallentamento del lavoro sulle linee. In questo caso, possiamo osservare l’esistenza di una giustapposizione di particolari conflitti, in cui i lavoratori hanno assunto e rivendicato le loro richieste, sulla base della discussione dei problemi specifici della fabbrica: i ritmi di produzione, i sistemi di pagamento e le licenze, tra le altre richiesta. Paradossalmente, furono proprio le specificità della questione fabbrica a dare una certa omogeneità agli scioperi del 1973. Ma la cosa più importante da segnalare è che gli operai trovarono nella fabbrica il possibile luogo di conflitti reali, al di là delle considerazioni tattiche dei sindacati e le caratteristiche formali degli “scioperi legali”. In altre parole, in base alle loro particolari esigenze, i lavoratori non qualificati hanno adottato forme di organizzazione e altre visioni dello sciopero che includevano figure sociali e modalità politicamente superiori a quelle degli “scioperi legali”. Questi erano caratterizzati dal monopolio della rappresentanza e dallo stretto controllo del conflitto da parte dei sindacati e dei comitati aziendali. Le forme organizzative adottate, come le assemblee dei lavoratori e i comitati di sciopero, hanno comportato la comparsa di figure e pratiche autonome dei lavoratori che sfidavano l’autorità del sindacato. Pertanto, come nei precedenti esempi nazionali, al conflitto “classico” tra lavoratori e azienda si è sovrapposta la lotta tra lavoratori e sindacato. In questo conflitto contrapposto, i consigli di fabbrica e il sindacato hanno svolto un ruolo di garanti dell’ordine stabilito e hanno agito contro gli scioperanti ponendosi dalla parte della direzione e delle forze di polizia.

Nel caso della Ford a Colonia, i delegati sindacali hanno stigmatizzato lo sciopero come uno “sciopero turco” (Türkenstreik bei Ford) e hanno mobilitato i lavoratori tedeschi per il ritorno al lavoro, proponendo così di frammentare i lavoratori secondo la linea divisoria tedeschi / immigrati. Nel frattempo, gli operai che occupavano la fabbrica hanno riconosciuto il comitato di sciopero come unico rappresentante e hanno rifiutato il ritorno al lavoro, come proposto dalla IG Metall e dal consiglio di fabbrica. La polizia ha chiuso il recinto esterno al complesso e la direzione dell’azienda non ha accettato altro che l’abbandono dello stabilimento, al fine di riprendere il controllo del territorio della fabbrica. Il 29 agosto è stata organizzata una contro-manifestazione di 300-400 persone della direzione, del sindacato e del consiglio di fabbrica e si sono recati ai cancelli del complesso industriale. Era composto da capisquadra, delegati di fabbrica, guardie giurate e operai specializzati di nazionalità tedesca. Sui loro striscioni trovava spazio lo slogan “Vogliamo lavorare”. Quando è iniziata la lotta tra scioperanti e contro-manifestanti, la polizia è intervenuta e ha arrestato gli “istigatori”, cioè i membri del comitato di sciopero. Al momento dell’assalto, le forze dell’ordine si sono rivolte agli scioperanti in lingua turca e hanno ordinato loro di lasciare immediatamente la fabbrica, pena l’espulsione dal paese senza preavviso. Molti occupanti di nazionalità turca hanno preso sul serio la minaccia ed hanno abbandonato la lotta.

Il giorno dopo sono tornati al lavoro. Alcuni lavoratori in sciopero hanno urlato contro di loro e fischiato contro i lavoratori che stavano riprendendo il loro lavoro. Tuttavia, il servizio d’ordine dei lavoratori (Arbeiterschutzstreifen) stava tenendo sotto controllo lo stabilimento, disperdendo qualsiasi possibile tumulto. Da parte sua, il consiglio di fabbrica ha reso noti i risultati dei negoziati. Si trattava di un bonus una tantum di 280 marchi, il pagamento dei giorni di sciopero (ad eccezione degli “istigatori” del conflitto) e la revisione dei licenziamenti caso per caso. Nelle due settimane successive, l’azienda ha compiuto una vera e propria “pulizia”. Così, i servizi d‘ordine del sindacato hanno denunciato i lavoratori attivi durante lo sciopero. Di conseguenza, più di 100 lavoratori, per lo più turchi, sono stati licenziati senza preavviso, mentre 600 hanno accettato di “dimettersi”. Nonostante la legislazione di cogestione gli desse i mezzi per respingere queste misure, il sindacato e il consiglio di fabbrica non hanno fatto nulla per impedirle. Al contrario, hanno sostenuto la direzione in questa politica, al fine di eliminare coloro che avevano sfidato il loro potere. In conseguenza degli “scioperi selvaggi” del 1973, in generale, e di quello della Ford a Colonia, in particolare, l’apparato sindacale e lo Stato hanno sostenuto alcune rivendicazioni sviluppate e sostenute da lavoratori non qualificati, riformulandole e reintegrandole nel quadro giuridico e istituzionale (contrattazione collettiva di settore), nell’interesse della preservazione della “pace sociale”. Nel 1974 lo Stato ha avviato un programma dal titolo Humanisierung der Arbeit, in cui sindacati, dirigenti d’azienda e accademici si sono impegnati in un processo di riflessione, finalizzato allo studio delle innovazioni tecniche e organizzative per migliorare le condizioni di vita e lavoro degli operai. La cosiddetta “umanizzazione del lavoro” è stato un successo politico che ha permesso il ripristino dell’ordine istituzionale nei rapporti di lavoro, ha favorito la “pace sociale” e la stabilità in fabbrica. Questo tipo di relazioni industriali hanno dato alla Germania il potere di affrontare la sfida dell’unificazione negli anni ’90.

Attraverso gli esempi nazionali che citiamo, possiamo identificare alcuni elementi comuni (il tipo di comportamento dei lavoratori non qualificati nei conflitti, la natura radicale delle rivendicazioni egualitarie, il ripetersi di episodi di violenza durante scioperi e manifestazioni, l’autonomia organizzativa delle base operaia a scapito delle organizzazioni sindacali…) che configuravano una cultura che interpretava questi comportamenti dei lavoratori come una manifestazione ostile del moderno lavoratore industriale nei confronti della fabbrica, delle macchine, della società capitalista modellata nel suo complesso sulla base del lavoro salariato. Allo stesso tempo, questa cultura aveva la capacità di estendere e generalizzare il conflitto sociale, a partire dai bisogni immediati del proletariato in totale opposizione ai padroni, allo Stato e alle istituzioni (considerando come tali sia i sindacati che i partiti politici), poiché ognuno di essi aveva un ruolo nella moderazione del conflitto sociale.

Bilbiografia

Giacchetti D., L’autunno caldo, Ediesse, 2013

Pantaloni A., 1969. L’assemblea operai studenti. Una storia dell’autunno caldo, DeriveApprodi, 2020

Roth K.H, L altro movimento operaio storia della repressione capitalistica in Germania dal 1880 a oggi, “Materiali Marxisti”, Feltrinelli, 1976

Trentin B., Da sfruttati a produttori. Lotte operaie e sviluppo capitalistico, dal miracolo economico alla crisi, De Donato, 1977

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.