Una Critica alla Teoria dell’Utilità Marginale

— Bollettino Culturale il 29 ottobre 2020

La teoria del valore è stato un campo di discussione permanente in economia: le due linee principali (teoria del valore-lavoro e teoria dell’utilità marginale) hanno presentato approcci totalmente dissimili alla questione.

La teoria del valore-lavoro, proposta da Adam Smith e continuata da David Ricardo, postula che il valore dei beni dipende dalla quantità di lavoro socialmente necessaria per la loro produzione. L’approfondimento di questa teoria, portato avanti da Karl Marx, ha portato alla formulazione della nozione di plusvalore (un aumento di valore che viene trattenuto dal capitalista a scapito del lavoratore).

Le derivazioni della teoria del valore-lavoro e dei concetti che ne derivano (generazione di plusvalore e sfruttamento della forza lavoro) sono state molto disturbanti per l’attuale ordine sociale. Questa teoria, quindi, ha superato l’ambito della discussione accademica ed è stata ampiamente utilizzata nei dibattiti politici del XIX e XX secolo.

Con l’obiettivo esplicito di cercare un’altra base di sostegno alla teoria del valore, che presentasse meno conflitti sociali, alla fine del XIX secolo un gruppo di economisti iniziò ad abbozzare una proposta alternativa. I lavori di Stanley Jevons, Karl Menger e León Walras, seguiti da quelli di Eugen Böhm-Bawerk, Alfred Marshall e Vilfredo Pareto, hanno gettato le basi per una teoria del valore basata sulle preferenze del consumatore utilizzando i concetti di utilità od ofelimità e concentrandosi sull’analisi del comportamento delle unità aggiuntive, dando origine all’approccio marginalista.

A partire dal 1960, l’economista neo-ricardiano Piero Sraffa ha messo seriamente in dubbio la plausibilità dell’edificio concettuale marginalista. Successivamente, e per tutta la seconda metà del XX secolo, numerosi autori del campo dell’antropologia economica e con una vasta esperienza nello studio delle società precapitaliste hanno postulato l’esistenza di ragioni ecologiche o culturali come determinanti del valore dei beni. Da un’altra prospettiva, l’economista egiziano Samir Amin ha sottolineato la necessità di studiare la legge del valore su scala globale e quindi analizzare le cause dello scambio diseguale tra i paesi. Allo stesso modo, i lavori di Maurice Godelier sulla razionalità economica, Karl Polanyi sui mercati antichi e Claude Meillassoux sull’economia contadina mirano ad analizzare diversi aspetti sociali che influenzano la determinazione del valore.

Ciò su cui tutti gli autori contemporanei citati concordano è evidenziare i determinanti sociali del valore. Il valore è una relazione sociale che si esprime nella merce e dipende fondamentalmente dalla struttura di classe e dalle concezioni culturali della società specifica in cui si manifesta. Per questo motivo, la prospettiva individualistica della teoria soggettiva del valore, caratteristica della microeconomia neoclassica, è inadeguata per analizzare il problema del valore. Bucharin afferma nella sua critica dell’economia marginalista:

È, come abbiamo già detto, una concezione insostenibile che lascia da parte l’aspetto fondamentale della realtà: le relazioni sociali tra gli uomini, relazioni che agiscono immediatamente e che plasmano la particolare psicologia degli individui, dandole un contenuto sociale.

La teoria del valore, quindi, era e continua ad essere un campo di discussione teorica e di disputa politica. In nessun modo si potrebbe pensare che questo sia un aspetto che non richiede una discussione preventiva. Per questo motivo, riteniamo che l’utilizzo del concetto di valore nell’analisi dei costi richieda una posizione specifica sulla controversia teorica sopra citata.

A differenza della teoria del valore, la teoria dei costi appariva distante dalle diverse posizioni ideologiche e poteva sembrare, a prima vista, più oggettiva e slegata dalle discussioni politiche e sociali. Apparentemente sarebbero aspetti strettamente tecnici legati alla produzione di beni.

Tuttavia, la teoria dei costi è la chiave per fondare la base teorica più importante per l’economia di mercato: l’equilibrio generale. Questa pietra angolare dell’economia accademica richiede un certo comportamento dei costi dell’impresa al fine di dedurre la teoria dell’offerta e quindi postulare, insieme alla teoria della domanda, il mercato come un meccanismo adeguato per allocare le risorse scarse basato sui desideri dei consumatori. La teoria dell’equilibrio generale RICHIEDE, per essere sostenibile, che i costi marginali siano in aumento e che l’utilità marginale sia in diminuzione per determinare le funzioni di domanda e offerta crescenti e decrescenti rispetto al prezzo. Date queste funzioni, il prezzo di equilibrio massimizzerebbe i benefici dei produttori e dei consumatori essendo uguale al costo marginale dei produttori e all’utilità marginale dei consumatori.

Vedremo nello sviluppo del lavoro come vengono presentati i costi marginali in microeconomia, con l’obiettivo di supportare la teoria dell’equilibrio generale, e qual è il loro reale comportamento. Per molti specialisti dei costi, generalmente indifferenti alle discussioni sull’economia politica, la teoria dei costi sostenuta dalla microeconomia tradizionale è sempre stata aliena e persino esotica. Nel lavoro professionale, si osserva che i costi delle aziende non si comportano nel modo particolare che suggeriscono i testi di microeconomia, ed è intrigante conoscere le ragioni per cui gli economisti neoclassici disegnano curve di costo così strane e complicano le situazioni in questo modo che in effetti sembrano essere molto più semplici.

L’individuazione dei presupposti teorico-ideologici che danno luogo a descrizioni dei costi così atipiche consentirà una valutazione critica della teoria dell’impresa supportata dalla microeconomia.

L’analisi dei costi in microeconomia inizia postulando una funzione di produzione che mostri l’aumento della produzione aumentando le quantità di fattori variabili utilizzati nella sua fabbricazione. Questa funzione ha la seguente forma:

La caratteristica più importante di questa funzione di produzione è l’esistenza di rendimenti decrescenti dal suo punto di flesso. Sulla base di questa funzione di produzione vengono calcolati i corrispondenti costi totali, medi e marginali. Il centro dell’attenzione è focalizzato su quest’ultimo e si può dire che il costo marginale è il pezzo chiave dell’analisi. Questo costo è il costo di ogni unità aggiuntiva prodotta e il suo calcolo non presenta alcuna difficoltà.
Il grafico del costo marginale dà luogo ad una curva ad U in cui spicca un aumento molto importante nell’ultimo segmento, come si può vedere nel grafico seguente:

Ricordiamo che la particolare forma proposta per questa funzione è essenziale per sostenere la funzione di offerta del produttore, che si basa, secondo la microeconomia neoclassica, sui costi marginali.
Approfondendo l’analisi della curva proposta si nota che è veramente significativo che i diversi autori di manuali di economia non concordino sulla descrizione precisa di detta curva ed in particolare sul grado di importanza della legge dei rendimenti decrescenti. Se analizziamo i testi classici di Gould e Lazear, Samuelson o Mochón e Beker, vedremo che questa legge si esprime con valori relativi assolutamente diversi.
Mentre Gould e Lazear ipotizzano che un costo unitario di base di $ 1 cresca a $ 12 per lavoro a causa della diminuzione dei rendimenti, Mochón e Beker gli fanno raggiungere $ 4,50 e Samuelson $ 2,50.
La disparità delle cifre di questa supposta legge, così come l’assoluta irrealtà dei valori forniti, invalida qualsiasi pretesa scientifica dell’ipotesi che propone l’esistenza di rendimenti decrescenti nella realtà aziendale.
Se facciamo un confronto strettamente matematico della funzione del costo marginale postulata dalla microeconomia e dall’analisi dei costi, vedremo le marcate differenze che presentano. Come abbiamo sottolineato, il nucleo della teoria dei costi in microeconomia si basa sul principio dei rendimenti decrescenti dei fattori produttivi, che influenzano la funzione di produzione. Questa teoria presuppone che ogni unità aggiuntiva che si desidera produrre, oltre un certo punto, richieda quantità unitarie crescenti di fattori di produzione variabili. In altre parole, se creo camicie ho bisogno di sempre più tessuto per realizzare ogni camicia.
Possiamo verificare, tuttavia, che in qualsiasi attività produttiva che osserviamo quotidianamente nella pratica professionale, la legge dei rendimenti decrescenti è adempiuta CON QUEL GRADO DI SIGNIFICATO. Pensiamo alla fabbricazione di diversi prodotti: automobili, elettrodomestici, abbigliamento, cibo, strumenti, computer, carburante, mobili, ecc. In nessuno di essi troviamo un simile comportamento in termini di costi.
Anche ammettendo l’esistenza, in qualche caso particolare, di rendimenti decrescenti e conseguentemente di costi marginali crescenti, è del tutto irragionevole che ne abbiano ipotizzata l’entità (con aumenti fino al 1.100% del costo variabile) perché se i costi crescessero davvero la società non avrebbe mai realizzato quel livello di produzione.
Nei termini di Samuelson, la tanto discussa legge dei rendimenti decrescenti
costituisce un’importante regolarità tecnica ed economica più volte osservata, ma non gode di validità universale. Spesso viene soddisfatta solo dopo aver aggiunto un numero considerevole di dosi uguali del fattore variabile.
Si noti l’estrema ambiguità dei termini utilizzati a sostegno di una presunta legge fondamentale dell’economia dell’impresa: è stata “più volte osservata”, senza indicare quando, dove, quante volte e come tale osservazione è stata fatta; richiede “un numero considerevole di dosi” che non è numericamente preciso e in definitiva “non gode di validità universale”.
In queste condizioni possiamo seriamente dubitare dell’esistenza di una tale legge e verificare di avere solo una serie di ipotesi basate sull’idea di buon senso che indica che un insieme di fattori fissi non può essere saturato da fattori variabili. L’individuazione di leggi naturali o sociali richiede lo studio dei fatti generando ipotesi precise e verificabili perché “… la scienza è molto più che un buon senso organizzato … costituisce una ribellione contro la sua vaghezza e superficialità”.
È davvero notevole che quando viene rilevata una vera legge economica, la sua quantificazione è estremamente precisa. È il caso del moltiplicatore di investimento proposto da Keynes, che è uguale al reciproco del complemento della propensione marginale al consumo:

Sulla base di questa fragile teoria dei rendimenti decrescenti, la microeconomia estrapola la forma delle funzioni di offerta delle imprese in un mercato competitivo. Questa funzione avrebbe la nota forma crescente in funzione del prezzo e spiegherebbe il comportamento del produttore, che cerca di ottenere un prezzo pari al suo costo marginale per massimizzare il suo profitto.

La diminuzione dell’utilità marginale dei consumatori a fronte di aumenti di quantità, finisce per strutturare la visione dell’equilibrio generale in mercati competitivi, dove il prezzo a cui l’offerta e la domanda sono uguali è l’importo in cui l’utilità marginale del consumatore è uguale al costo marginale del produttore.
Questa uguaglianza garantirebbe, secondo la scuola marginalista, un’ottimale allocazione delle risorse in funzione dei desideri psicologici dei consumatori e dei vincoli tecnici della funzione produttiva, facendo raggiungere alla produzione preposta delle aziende il volume “desiderato” dai consumatori. 
L’obiettivo, esplicito o implicito, dei marginalisti è difendere l’organizzazione socio-economica basata sul mercato attraverso la teoria dell’equilibrio generale. Ciò si rivela nelle sue esplicite dichiarazioni e nella disposizione di un classico testo di microeconomia, che presenta le seguenti parti:
  1. Domanda, offerta e mercati: una visione introduttiva.
  2. La teoria della produzione e del costo.
  3. La teoria dell’impresa e l’organizzazione del mercato.
  4. La teoria della distribuzione.
  5. La teoria dell’equilibrio generale e del benessere economico.
Lo sviluppo tematico mostra che la teoria dei costi e la teoria del valore sono gli elementi necessari per supportare la teoria dell’equilibrio generale. Per quanto riguarda le prove addotte a sostegno della legge dei rendimenti decrescenti, vediamo che sono del seguente tipo:

Poiché il prodotto marginale normalmente aumenta, raggiunge un massimo e quindi diminuisce, il costo marginale normalmente diminuisce, raggiunge un minimo e quindi aumenta.

Si noti che NON esiste una quantificazione o un’indagine di dati empirici a supporto dell’affermazione. Cosa significa dire che il prodotto marginale “normalmente” aumenta? Quando diminuisce? In che misura lo diminuisce? Perché raggiunge il minimo? Quando e perché aumenta il costo marginale? Se non si risponde a queste domande, siamo nel campo delle ipotesi e non nel campo dei fatti.
Nel caso della supposta legge dei rendimenti decrescenti, è opportuno precisare di quanto aumentano i costi marginali: 10% o 1.000%? Da che punto del livello di attività lo fanno? Le imprese reali operano a questo livello di attività?
Il metodo dei marginalisti è assolutamente ipotetico, poiché partono da una situazione astratta e inesistente nella realtà produttiva, e da questa astrazione generalizzano i loro presupposti, cercando di descrivere il modo in cui avvengono le cose. In altre parole, il comportamento della realtà viene assunto sulla base di preconcetti invece di rilevarlo, analizzarlo e generalizzarlo. Il metodo scientifico corretto consiste nell’osservare la realtà, indagare sulle sue regolarità e tendenze generali, e poi postulare una visione generale con affermazioni teoriche. La teoria marginalista dei costi richiede ipotesi altamente improbabili per avere un senso e manca di qualsiasi base empirica. Quindi, derivata dalle premesse e dai concetti di utilità marginale, la domanda individuale sarà la quantità di beni che il soggetto, in quanto consumatore, è disposto ad acquistare a un certo prezzo, dato da un mercato in un certo momento. Si ipotizza la fattibilità teorica di costruire curve di domanda individuali che, sommate, ci darebbero la domanda collettiva. Tale costruzione è meramente virtuale poiché questo passaggio da un livello all’altro è un’ipotetica costruzione deduttiva che permette di derivare l’analisi macroeconomica sugli stessi presupposti del comportamento individuale.
Numerosi autori hanno evidenziato le carenze del metodo della scuola marginalista, soprattutto e per le ragioni politiche sopra citate, rispetto alla teoria del valore, come Lange nel suo manuale di Economia Politica:

Inoltre, l’economia soggettivista come teoria dell’utilità marginale o teoria della scelta secondo una scala di preferenza, estende il principio di massimizzazione usato nell’impresa capitalista a tutta l’attività economica e a tutte le condizioni storico-sociali. Una tale generalizzazione non trova giustificazione o fondamento nell’osservazione della realtà economica.

La stessa critica metodologica può essere fatta alla teoria dei costi. La ragione di queste deficienze e limitazioni va ricercata al di fuori della sfera accademica e la troveremo nell’aspetto politico della materia. Se l’obiettivo, conscio o inconscio della scuola marginalista, è giustificare lo status quo lodando il sistema capitalista sviluppato, è ovvio che gli autori devono sostenere che le curve di costo e di utilità hanno la forma che postulano. Se queste rappresentazioni grafiche non sono corrette TUTTA LA GIUSTIFICAZIONE analitica del sistema crolla. Per convalidare la teoria di un mercato efficiente, che alloca correttamente le risorse in base ai vincoli tecnici e ai desideri dei consumatori, è necessario che le curve di domanda e offerta (crescente e decrescente in funzione del prezzo) derivino dalle curve di costo marginale e di utilità marginale che hanno la stessa forma.
La teoria dell’equilibrio, sviluppata in dettaglio da Pareto e basata sull’analisi dei costi e dei profitti marginali, è stata spesso criticata, anche nell’ambito dell’economia accademica. L’economista francese François Perroux, ad esempio, sottolinea che questa teoria è”… parziale e inadeguata …” per interpretare i fatti economici.
La teoria analizzata si sviluppa dalla conclusione alle premesse, cioè dall’equilibrio generale alle funzioni di domanda e offerta, e da qui alle funzioni di produzione e di utilità, costituendo una struttura puramente ipotetica.
Riteniamo che la teoria neoclassica della domanda e dell’offerta sia una vasta costruzione ideologica progettata per sostenere i presunti benefici del mercato come meccanismo di allocazione delle risorse efficiente e neutrale basato sui bisogni e sui desideri dei consumatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.