Riscrivere la storia della Riforma Agraria non cambierà la storia.

— di Han Dongping

Il libro di Brian DeMare, Land Wars: The Story of the China of Agrarian Revolution, è stato un coraggioso tentativo di sfidare la narrativa consolidata sulla riforma agraria sponsorizzata dal Partito Comunista Cinese, che all’epoca era sostenuta dalla comunità intellettuale cinese e, cosa ancora più importante, dalla stragrande maggioranza degli agricoltori cinesi negli ultimi settant’anni. È evidente che DaMare ha sottovalutato il compito scoraggiante che ha dovuto affrontare in tale sforzo. Quello che sta cercando di fare non è solo quello di minare la legittimità della riforma agraria o della rivoluzione cinese, ma la totalità della storia della Cina contemporanea e una parte importante della storia del mondo contemporaneo.

La sua principale argomentazione è che la riforma agraria cinese non era necessaria e causò troppe violenze eccessive e in generale era improduttiva. La riforma agraria, o rivoluzione agraria, attraverso la lotta di classe dividendo gli abitanti dei villaggi in diverse classi, ebbe origine dalle idee zelanti e utopiche di Mao trovate nel suo rapporto sul movimento contadino di Hunan pubblicato nel 1927, non era giustificato dalla realtà rurale cinese dell’epoca. In molte comunità rurali, sosteneva nel libro, non c’erano veri proprietari o ricchi contadini (p. 76). Ma i comunisti, bloccati nel paradigma maoista della rivoluzione agraria, insistettero a dividere gli abitanti dei villaggi cinesi in diverse classi, sconosciute agli abitanti dei villaggi cinesi, e causarono gravi danni alla campagna cinese.

Questa è stata la tesi principale della più recente borsa di studio americana e occidentale sulla riforma agraria cinese, l’agricoltura collettiva cinese, il Grande Balzo in Avanti e la Rivoluzione Culturale Cinese. Villaggio cinese, stato socialista di Edward Friedman, Mark Selden e Paul Pickowicz, Catastrofe e contese nella Cina rurale: il Grande Balzo in Avanti di Mao e le origini della giusta resistenza nel villaggio di Dafo di Ralph Thaxton, The Tragedy of Liberation: A History of the Communist Revolution 1945-1957, di Frank Dikotter e pochi altri che DeMare cita ampiamente nel suo libro, furono tutti tentativi di riscrivere la storia cinese della riforma agraria, l’agricoltura collettiva, il Grande Balzo in Avanti e la Rivoluzione Culturale cinese, al fine di delegittimare Mao e i suoi sforzi per trasformare la Cina. Non c’è molto di nuovo in questo sforzo. I proprietari terrieri, i tiranni malvagi, le forze reazionarie in Cina rappresentate da Chiang Kai-shek e il suo governo corrotto, gli oppressori dei poveri contadini cinesi, promuovono questo dogma sin dal movimento contadino cinese negli anni ’20.

Tuttavia, non furono in grado di impedire che il movimento contadino cinese si diffondesse in tutta la Cina e l’eventuale successo della Rivoluzione cinese. Gli sforzi di DeMare e di altri per riscrivere quella parte della storia cinese non andranno lontano.

Questi studiosi americani, che non parlavano la lingua degli agricoltori cinesi e che erano estranei al modo di pensare e allo stile di vita degli agricoltori cinesi, arrivarono nei villaggi cinesi, dove non erano in grado di bere l’acqua degli agricoltori cinesi e mangiare il cibo degli agricoltori cinesi. I loro interpreti cinesi, che potrebbero essere cresciuti in una grande città e come i loro professori americani, avevano poca conoscenza della campagna cinese e della sua storia. Gli agricoltori cinesi, che hanno incontrato i professori americani per la prima volta nella loro vita, non avevano idea del perché questi americani arrivassero nel loro villaggio. Non sapevano cosa stessero cercando di fare questi americani nei villaggi cinesi. Ad alcuni di loro non piaceva parlare con estranei, per non parlare degli stranieri. Perché dovrebbero parlare con questi stranieri? Gli agricoltori cinesi non capivano nemmeno bene gli intellettuali urbani cinesi e avevano più difficoltà a capire le domande di questi stranieri attraverso i traduttori. Nella migliore delle ipotesi, gli agricoltori cinesi presumevano di aver compreso le domande dei professori americani e i professori americani presumevano di aver compreso le risposte degli agricoltori cinesi. Quando il libro, Chinese Village, Socialist State è stato finalmente tradotto in cinese e gli agricoltori di Wugong lo hanno letto, sono rimasti sconvolti. Quando hanno saputo che Mark Selden era all’Università di Pechino un’estate, sono venuti per affrontarlo, accusandolo di travisarli nel libro. Il libro di Ralph Thaxton non è stato ancora tradotto in cinese. Se tradotto in cinese, sarebbe certo che gli agricoltori cinesi che ha intervistato avrebbero avuto la stessa reazione: erano stati travisati.

James Scott, uno degli studiosi più rispettati nel campo della scienza politica, ha sviluppato il concetto di “metis” nel suo libro Seeing like a State. Ha sostenuto in quel libro che ogni locale ha alcune conoscenze nascoste condivise da persone sconosciute agli estranei. Molti grandi schemi nel nostro mondo fallirono perché i progettisti di questi grandi schemi non riuscirono a capire le conoscenze locali. Il leader comunista cinese Mao Zedong, che DeMare ha preso di mira nel suo libro, ha sottolineato l’importanza della conoscenza locale costantemente durante la sua vita. Il motto del Partito Comunista Cinese: «shìshí qiúshì»《事实求是》 [cercando la verità dai fatti] è stato stabilito da Mao personalmente. È persino arrivato a dire che «méiyǒu diàochá yánjiū, jiū méiyǒu fāyán quán» 《没有调查研究,究没有发言权》 [senza indagini e ricerche, non si ha diritto di parola]. Lui stesso ha trascorso tre mesi per indagare sui movimenti dei contadini di Hunan prima di scrivere il «Rapporto sul movimento dei contadini di Hunan». Ha invitato ripetutamente i leader del Partito Comunista Cinese ad uscire dai loro uffici per svolgere indagini e ricerche prima di prendere qualsiasi decisione. Lui stesso è stato esemplare in questo senso, facendo indagini e ricerche per tutta la vita. DeMare non sembrava fare alcuna ricerca sul campo per questo libro, e si basava principalmente sul Taiyang Zhaizai Sangganhe Shang di Ding Ling e sul Chidi Zhilian di Zhang Ailing, che sono finzione, Fanshen di Bill Hinton, un documentario di Revolution in un villaggio cinese, alcuni sparsi rapporti ufficiali sulla riforma agraria e alcuni discutibili libri di alcuni studiosi americani e cinesi. Con la sua limitata conoscenza della riforma agraria, della Cina e della storia e cultura cinese, ma la tradizionale propensione degli studiosi americani contro la rivoluzione cinese, il suo tentativo di sfidare il valore e la legittimità della riforma agraria cinese è stato condannato sin dall’inizio.

Mao, il figlio di un contadino, è cresciuto nelle aree rurali e ha lavorato dentro e fuori dai campi durante la sua infanzia. Dopo aver lasciato la sua città natale per studiare prima e poi per guidare la Rivoluzione cinese, ha continuato a fare ricerche rurali. La sua conoscenza e comprensione della società rurale cinese non ha eguali tra studiosi e leader cinesi. Si distinse tra i leader comunisti cinesi e alla fine guidò il Partito Comunista Cinese alla vittoria in Cina nel 1949 perché aveva una profonda comprensione delle aree rurali cinesi e dell’agricoltura cinese e conosceva le aspirazioni degli agricoltori cinesi più di qualsiasi altro leader comunista cinese o nazionalista del suo tempo. Il motivo più importante per cui il Partito Comunista Cinese fu in grado di impadronirsi del potere, battere i nazionalisti appoggiati dagli Stati Uniti e divenne l’unico tra le varie dozzine di Partiti Comunisti sotto la guida del Comintern, fu perché Mao capì le questioni dei contadini cinesi e ha sviluppato correttamente le politiche di riforma agraria per risolvere le questioni contadine in Cina.

Durante la Seconda guerra mondiale, gli osservatori dell’esercito americano inviati a Yenan riferirono al governo americano che se ci fosse stata una guerra civile in Cina i comunisti avrebbero probabilmente vinto, perché i comunisti erano una forza popolare. Perché gli osservatori dell’esercito americano di stanza a Yenan chiamarono i comunisti cinesi la forza popolare? Furono ingannati dai comunisti? O hanno visto di più e sapevano di più sui comunisti cinesi e sugli agricoltori cinesi rispetto alla maggior parte degli altri americani? L’amministrazione Truman non ha ascoltato l’avvertimento dei loro diplomatici nei campi e ha imprudentemente gettato il suo sostegno dietro l’impopolare governo di Chiang Kai-shek, dando inizio a una lunga tradizione di sostegno a dittatori impopolari nel Terzo mondo. All’inizio della guerra civile, Chiang Kai-shek, con una forza militare molto più grande e meglio armata, con il generoso sostegno del governo americano, sembrò avere il sopravvento contro i comunisti cinesi. I comunisti erano in ritirata e i nazionalisti erano in offensiva. Sotto l’offensiva militare nazionalista, i comunisti abbandonarono la loro capitale, Yenan, nel marzo del 1947. Ma solo un anno dopo, la situazione cambiò. I nazionalisti erano sulla difensiva e l’esercito di Chiang iniziò a subire una sconfitta dopo l’altra. A metà del 1949, il destino di Chiang fu segnato e il 1° ottobre 1949 fu fondata la Repubblica Popolare Cinese. Chiang ha sperperato tutta la sua superiorità politica, militare ed economica ed è fuggito a Taiwan. Investimenti americani e grandi progetti americani sulla Cina scomparvero. Perché i comunisti furono in grado di vincere la guerra civile?

Non appena iniziò la guerra civile, i comunisti ripresero il programma di riforma agraria nelle regioni sotto il loro controllo, che fu sospeso a causa del secondo fronte unito contro il nemico comune: il Giappone. La riforma agraria trasformò la guerra civile cinese tra comunisti cinesi e nazionalisti in una guerra tra poveri contadini cinesi contro i proprietari terrieri, rilasciando un’enorme energia rivoluzionaria tra il settanta percento della popolazione rurale cinese. Durante la battaglia di Huaihai nella primavera del 1949 i nazionalisti riunirono una forza molto più grande, 800.000 truppe, oltre al controllo dello spazio aereo. Le forze comuniste erano solo 600.000 ed erano scarsamente armate in confronto agli avversari. Ma durante la battaglia, 5.430.000 agricoltori cinesi delle province di Jiangsu, Shandong, Anhui e Henan si unirono alla guerra dal lato comunista, costituendo un esercito nove volte più grande dei soldati coinvolti nei combattimenti dal lato comunista. Di questi oltre cinque milioni di agricoltori, 220.000 erano in prima fila a sostegno dell’esercito comunista, 1,3 milioni erano in seconda linea e 3,91 milioni lavoravano altrove. Hanno utilizzato 206.000 barelle, 880.000 carri e carriole, 303.000 spallacci, 767.000 animali e 8539 barche, raccogliendo quasi dieci milioni di chicchi di jin e spedendo 4,34 milioni di jin di grano al fronte. Perché gli agricoltori cinesi hanno fatto di tutto per sostenere i comunisti cinesi nella guerra civile? I loro interessi erano legati alla causa dei comunisti cinesi. I poveri contadini cinesi, che hanno ottenuto la loro terra dalla riforma agraria, hanno visto il Partito Comunista Cinese e il suo leader Mao Zedong come il loro salvatore. Per gli americani è difficile comprendere l’importanza della terra per gli agricoltori cinesi. È la loro vita. È il loro stile di vita. Se i nazionalisti avessero vinto la guerra, i reggimenti di ritorno costituiti dagli ex proprietari terrieri che persero la terra durante la riforma agraria, sarebbero tornati ai villaggi. I poveri agricoltori avrebbero subito ritorsioni e vendette da parte dei proprietari. I poveri contadini cinesi non potevano permettere ai nazionalisti di vincere la guerra.

In effetti, circa un terzo dell’esercito di Chiang non ha combattuto affatto e si è semplicemente arreso ai comunisti durante la guerra. La maggior parte dei prigionieri di guerra dell’esercito nazionalista si unì alle unità di combattimento comuniste cinesi quasi immediatamente. I soldati nazionalisti provenivano principalmente dalle famiglie dei poveri contadini, proprio come i combattenti comunisti. Condividevano lo stesso odio contro i proprietari terrieri e i ricchi contadini dei combattenti comunisti. Ci è voluto solo un incontro di “amarezza parlante” 《诉苦打回》(sùkǔ dǎhuí), che era una pratica comune durante la riforma agraria, di cui DeMare ha discusso ampiamente nel suo libro, per far capire a questi ex soldati “nemici” che loro e i combattenti comunisti condividono un nemico comune: il governo di Chiang Kai-shek sostenuto dai padroni.

Nel 1950, le forze dell’ONU in Corea guidate dagli Stati Uniti, l’esercito più potente del mondo in quel momento, e altri quindici paesi, avanzarono verso il confine cinese, inseguendo l’esercito nordcoreano. Il governo della Repubblica Popolare Cinese recentemente fondato ha avvertito gli Stati Uniti che non sarebbe rimasto inattivo se avesse visto il suo vicino essere calpestato da forze militari straniere. Ma nessuno ha prestato attenzione. MacArthur è volato a Taiwan per incontrare Chiang Kai-shek. Ha minacciato di distruggere il comunismo cinese e invertire il risultato della guerra civile cinese. Preoccupato per la prospettiva di trascinare i comunisti cinesi nel conflitto, il presidente Truman è volato per incontrare MacArthur sull’isola di Wake per discutere della strategia americana in Corea. MacArthur disse al presidente in questione che il momento migliore per il coinvolgimento cinese in Corea era finito. Se i cinesi avessero avuto il coraggio di essere coinvolti, sarebbe stato il più grande massacro di uomini nella storia umana. I cinesi erano stati umiliati dall’Occidente per oltre cento anni, vittima delle ripetute aggressioni dell’Ovest e del Giappone fino a quel momento storico. La verità era che la Cina non era mai stata in grado di sconfiggere nessun invasore sul proprio territorio fino ad allora.

Di fronte all’esercito più formidabile della storia umana sul suolo straniero, la maggior parte dei generali cinesi e osservatori stranieri non pensavano che la Cina avesse alcuna possibilità in Corea. Mao fu l’unico tra i massimi leader cinesi a credere che la Cina dovesse essere coinvolta in Corea, e in seguito convinse Peng Dehuai, uno dei suoi generali più fidati, a comandare i volontari cinesi in Corea. Nel giro di poche settimane, i volontari cinesi scarsamente armati, senza aviazione e senza una base industriale per sostenere una guerra su larga scala sul suolo straniero, furono in grado di allontanare le forze dell’ONU dai confini cinesi, ricacciandoli indietro al 38° parallelo. Molti osservatori militari ritengono che la guerra di Corea sia stata un pareggio tra la Cina e gli Stati Uniti, fu comunque una grande vittoria storica per l’esercito cinese, per non parlare del fatto che i volontari cinesi hanno effettivamente spinto le forze delle Nazioni Unite fino in fondo, dai loro confini al 38° parallelo, raggiungendo i suoi obiettivi politici.

Perché i volontari cinesi poterono battere l’esercito più formidabile della storia umana senza aeronautica e marina? Potrebbero esserci stati molti fattori in gioco. Ma è facile vedere che i volontari cinesi erano molto diversi dai militari cinesi tradizionali che gli stranieri conoscevano prima. Erano un esercito politicamente plasmato. Sapevano perché stavano combattendo e per chi stavano combattendo, erano molto diversi dai soldati di Chiang Kai-shek e da quelli americani. Questa consapevolezza politica dei soldati cinesi era direttamente connessa con la riforma agraria, l’obiettivo politico a lungo termine del Partito Comunista Cinese e i soldati cinesi che costituivano l’Esercito comunista cinese. I volontari cinesi erano composti da poveri agricoltori cinesi, la cui famiglia aveva appena ottenuto la terra dalla riforma agraria, sapevano che stavano combattendo per la loro terra. Quando MacArthur disse che voleva invertire il risultato della guerra civile cinese, non sapeva di cosa stesse parlando. Stava sfidando i cinquecento milioni di agricoltori cinesi che avevano appena ottenuto la loro terra nella riforma agraria e che erano pronti a difendere i frutti della riforma agraria con le proprie vite. In un certo senso, la riforma agraria ha contribuito enormemente alla vittoria dei volontari cinesi in Corea.

Prima che il PCC salisse al potere e prima della riforma agraria, la dipendenza da oppio era diffusa in Cina. La prostituzione dilagava nelle aree urbane cinesi. Banditi e bande criminali operavano liberamente in Cina. C’erano anche persone povere che i proprietari terrieri e la classe dei gentiluomini chiamavano “teppisti” 《二流子》(èrliúzi), il che rappresentava un grave problema in Cina. Agli occhi della classe dei gentiluomini cinesi e delle élite cinesi, questi teppisti non servivano alla società cinese e dovevano essere disprezzati. DeMare ha discusso di questo problema nel suo libro. Ma una volta attuate le riforme agrarie, la dipendenza da oppio scomparve. Banditi e bande criminali furono completamente spazzati via e le prostitute divennero qualcosa del passato in Cina per circa trent’anni. Quelle persone che erano considerate teppiste potevano lavorare sodo una volta ottenuta la propria terra. La riforma agraria ha trasformato la Cina in una società molto più sana sotto molti aspetti. Nel 1949, l’aspettativa di vita della Cina era di soli 32 anni, nel 1976, quando Mao morì, l’aspettativa di vita dei cinesi raggiunse i 69 anni, più che raddoppiata in meno di trenta anni. La riforma agraria e l’agricoltura collettiva hanno trasformato completamente la Cina. DeMare e i suoi colleghi americani tendono a vedere la riforma agraria isolata. Ma nulla in questo mondo esiste in isolamento. La differenza tra Mao e i suoi critici è che Mao ha sempre tenuto presente le connessioni intrinseche delle istituzioni e delle pratiche sociali quando ha progettato le politiche di riforma agraria. La riforma agraria non è solo una riforma agraria, ma ha dato origine a molte cose, molte delle quali sono state buone.

Prima della riforma agraria, i mezzadri non avevano alcun desiderio di investire nella terra dei proprietari terrieri che stavano coltivando. Hanno appena avuto abbastanza da mangiare, non potevano permettersi e non avevano alcun interesse a investire nella terra dei proprietari. I proprietari terrieri ottennero così tanto dalla terra che affittarono ai poveri agricoltori e non videro alcun senso nell’investire nella terra. La riforma agraria ha liberato un grande potenziale produttivo tra i poveri agricoltori cinesi e ha offerto loro incentivi per investire nella terra e nelle infrastrutture rurali. Negli anni ’50, ’60 e ’70, in particolare durante il Grande balzo in avanti, i cinesi trasformarono le tradizionali stagioni inattive nella costruzione di bacini e altri progetti di irrigazione. Hanno costruito oltre 84.000 bacini durante il Grande balzo in avanti, più del numero totale che la Cina abbia mai costruito fino a quel momento.

Molti studiosi americani e occidentali e sostenitori di Chiang Kai-shek tendono a sostenere che il Partito Comunista Cinese ha portato via la terra degli agricoltori cinesi dopo la riforma agraria attraverso l’agricoltura collettiva. Questo semplicemente non era vero. L’agricoltura collettiva è stata una trasformazione dello stile di gestione; lo stile di gestione delle singole famiglie è stato elevato a uno stile di gestione di joint venture. I contadini hanno unito le loro risorse e hanno continuato a possedere la loro terra congiuntamente e non hanno mai perso il controllo della loro terra. La riforma agraria conferì agli agricoltori cinesi la proprietà permanente della loro terra. Finché continuano a vivere nella comunità rurale, continuano a possedere la terra a meno che non abbiano concordato di rinunciare alla propria terra. Dopo che le comuni furono sciolte nel 1979 dal governo cinese, i contadini cinesi divisero la loro terra equamente tra loro. Ecco perché oggi la Cina non ha un grosso problema con la fame e i senzatetto, o addirittura con un problema di disoccupazione. Ogni agricoltore ha una casa costruita sulla propria terra, per cui non ha bisogno di pagare alcuna imposta sulla proprietà immobiliare e ha un terreno agricolo su cui possono coltivare abbastanza cibo per se stessi e la propria famiglia, per cui non ha bisogno di pagare eventuali tasse. Quando perdono il lavoro nell’area urbana, gli agricoltori migranti possono sempre tornare al loro villaggio natale per riprendere il lavoro agricolo. La riforma agraria sta ancora fornendo le basi per la stabilità sociale della Cina ancora oggi.

Per dimostrarne l’eccessiva violenza, DeMare ha citato Deng Xiaoping: uccidere sempre più persone perché gli agricoltori volevano che ne venissero uccise di più. Alla fine, il 40% in più delle persone sono state uccise (P17). Ciò che DeMare rappresentava qui era più simile all’uccisione del popolo da parte delle forze nazionaliste dopo che avevano catturato le aree controllate in precedenza dai comunisti. Ma la fonte di questa citazione era solo la citazione di qualcun altro. Non menziona dove e quando Deng Xiaoping abbia pronunciato il discorso e a quale contesto si riferisse parlando di questo massacro. Nel libro, DeMare parlava di “attacchi agli agricoltori”. Chi erano: i contadini, i signori della terra, i ricchi contadini o i poveri contadini? (p. 18). La riforma agraria fu un attacco ai proprietari terrieri e ai ricchi contadini da parte dei poveri contadini.

DeMare ha parlato della visione sprezzante di Mao degli intellettuali (p. 34), senza fornire troppe spiegazioni. Era vero che a Mao non piacesse la tendenza dell’intellettuale di guardare dal basso verso l’alto la classe operaia e incoraggiasse gli intellettuali del Partito Comunista Cinese a integrarsi e ad imparare dalle classi lavoratrici durante il tempo di guerra, durante la riforma agraria e durante la Rivoluzione Culturale. Questo è stato uno dei motivi per cui il governo cinese ha invitato gli intellettuali urbani a partecipare ai gruppi di lavoro della riforma agraria. È una tendenza universale per l’élite istruita di guardare dal basso verso l’alto le classi lavoratrici, in particolare gli agricoltori. A causa della leadership e della visione di Mao, il Partito Comunista Cinese e il governo cinese hanno gradualmente mitigato questa tendenza tra gli intellettuali cinesi. Il fatto che la Cina si sia sviluppata più rapidamente della maggior parte degli altri paesi del Terzo mondo, in un certo senso, ha confermato lo sforzo e la visione di Mao. Poiché gli intellettuali cinesi si sono integrati maggiormente con le classi lavoratrici cinesi in risposta all’appello e all’incoraggiamento di Mao, la Cina ha una divisione meno marcata tra la classe urbana e rurale, intellettuale e operaia nella sua società, come la divisione tra gli stati blu e rossi negli Stati Uniti e come dimostrato dalle proteste dei gilet gialli in Francia. Qian Xuesen, scienziato addestrato negli Stati Uniti, tornato in Cina nel 1955 nonostante gli sforzi americani per bloccare il suo ritorno in Cina, fu così eccitato quando venne a sapere che fu nominato insieme a Lei Feng, Jiao Yulu, Wang Jinxi e Xi Laihe come rappresentante del popolo più rispettato in Cina. Per lui, è stato un grande onore essere considerato un membro della classe operaia.

Qian Xuesen e il presidente Mao Zedong

DeMare documenta molti e vari errori che si sono verificati durante la riforma agraria in diverse regioni e tempi. In un certo senso, è importante conoscere questi errori e deviazioni, che lo stesso Partito Comunista Cinese ha ammesso e documentato. La riforma agraria fu una rivoluzione senza precedenti nella storia umana. Non c’era un chiaro percorso da percorrere. È stato uno sforzo di prove ed errori. La leadership del Partito Comunista e i funzionari del Partito Comunista furono battezzati e formati e migliorarono attraverso questo processo di prove ed errori. È stato un processo di apprendimento per i funzionari di partito e per il partito. Le centinaia e migliaia di giovani intellettuali urbani inesperti che hanno attraversato la tempesta della riforma agraria sono stati temprati e trasformati attraverso pratiche rivoluzionarie e lotte sul campo. Sono diventati i beni più importanti della nazione cinese e del popolo cinese. Mao era responsabile degli errori della rivoluzione cinese, ma allo stesso modo, ha anche il merito del successo della rivoluzione cinese e della nazione cinese.

DeMare ha anche prestato particolare attenzione a molte e varie voci durante il periodo della riforma agraria. Queste voci sono state per lo più create e diffuse dai proprietari terrieri e dal governo nazionalista per spaventare e intimidire i poveri contadini al fine di impedire la riforma agraria. Ma le voci e la propaganda erano un’arma a doppio taglio. Se le voci si dimostrassero vere, raggiungerebbero gli obiettivi politici di coloro che hanno creato e diffuso le voci. Ma se le voci si rivelassero sbagliate, non solo non sono riuscirebbero a realizzare le intenzioni della voce, ma distruggerebbero la credibilità di coloro che hanno creato e diffuso le voci. Quando stavo facendo ricerche nella provincia di Shandong, molti agricoltori mi dissero che prima che l’Esercito di Liberazione Popolare arrivasse nella loro regione, i proprietari terrieri che erano fuggiti dalle aree liberate dissero loro che il partito comunista era formato da banditi e bande criminali. Avrebbero portato via la terra, la proprietà e la moglie di tutti per condividerli con gli altri. All’inizio tendevano a credere a queste voci. Ma quando arrivarono il Partito Comunista e l’Esercito di Liberazione Popolare e trattarono i poveri contadini in modo equo e corretto, iniziarono a capire perché i proprietari terrieri creassero e diffondessero voci come quelle. Hanno imparato qualcosa. Cominciarono a capire perché le cose cattive per i proprietari potessero essere buone per i poveri agricoltori.

La riforma agraria trasformò anche tutti coloro che l’avevano attraversata. I poveri abitanti dei villaggi, i più ricchi abitanti dei villaggi, i ricchi agricoltori e proprietari terrieri, i quadri dei villaggi e i membri del gruppo di lavoro, furono tutti influenzati dall’esperienza della riforma agraria a modo loro. Questo è il significato della riforma agraria. Il popolo cinese e la società cinese sono stati modernizzati attraverso incontri politici dopo incontri. Gli abitanti dei villaggi cinesi potrebbero aver paura degli estranei (p. 57) prima della riforma agraria, ma non avevano più paura degli estranei dopo aver interagito con il gruppo di lavoro e averli conosciuti intimamente. Il Partito Comunista Cinese ha guadagnato la fiducia dei poveri attraverso il suo duro lavoro per mobilitare la maggioranza povera della società rurale cinese. Nessun altro partito politico nella storia umana ha mai dedicato uno sforzo e un entusiasmo così vasti per mobilitare il popolo. La riforma agraria ha temprato un gran numero di funzionari del Partito Comunista. Sono diventati un gruppo più semplice e disciplinato rispetto a prima della riforma agraria. Il partito comunista ha accumulato grandi risorse e capacità nel mobilitare e organizzare le persone attraverso la riforma agraria.

DeMare parlava dell’emancipazione della donna semplicemente come una questione di genere (p. 62-63). La sua discussione sulle donne che parlavano di amarezza e piangevano mentre parlavano come se le donne fossero più inclini a piangere, e le loro lacrime furono utilizzate dai comunisti per mobilitarsi per la riforma agraria. Non discusse mai sul perché queste donne piangessero e perché in pubblico risuonassero delle loro storie di amarezza. Non apprezzava quanto fosse potente l’impatto della riforma agraria sulle donne. Le donne hanno ottenuto la terra, hanno avuto l’opportunità di parlare alle riunioni di massa nei villaggi. Le donne si unirono alla milizia di villaggio e organizzarono federazioni femminili. In larga misura, le donne hanno ottenuto l’uguaglianza in Cina politicamente ed economicamente a partire dalla riforma agraria.

DeMare ha ammesso che il lavoro di Ding Ling è stato estremamente influente, mentre Love in Redland di Zhang Ailing ha avuto un impatto minimo, dimenticato. (p 30) Il lavoro di Ding Ling ha risuonato con l’esperienza del popolo cinese durante la riforma agraria. Love in Redland di Zhang Ailing è stato dimenticato perché non riflette la realtà della riforma agraria. Come Love in Redland di Zhang Ailing, il lavoro di DeMare e la borsa di studio di molti altri studiosi cinesi non avranno molto impatto sulla percezione e sulla comprensione della riforma agraria da parte del popolo cinese, ma serviranno solo a cementare l’attuale pregiudizio e incomprensione della riforma agraria cinese, la Rivoluzione Cinese, il Grande balzo in avanti e la Rivoluzione culturale cinese già esistente tra il pubblico americano. Ma ciò che il popolo americano deve sapere è come la riforma agraria ha fornito le basi per il successo della RPC e la sua ascesa nel mondo di oggi.

— di Han Dongping, traduzione dal cinese da parte del Bollettino Culturale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.