Il calcolo economico e il socialismo

Michel Husson su Preobraženskij e Kantorovič

E. A. Preobraženskij, La Nuova Economia

Nel suo libro La Nuova Economia, pubblicato nel 1926, Evgenij Alekseevič Preobraženskij cercava di affermare in termini teorici i principi operativi di un’economia socialista. Propone questa meravigliosa formula:

«nel campo della scienza, l’economia politica lascia il posto alla tecnologia sociale, cioè alla scienza della produzione organizzata socialmente»

Preobraženskij si riferisce ai pochi passaggi in cui Engels, nell’Anti-Dühring e Marx, ne il Capitale, delineano un’organizzazione sociale in cui «i produttori associati regolano razionalmente i loro scambi con la natura, controllandoli congiuntamente piuttosto che essere dominati dal loro potere cieco e raggiungere questi scambi spendendo il minimo della forza e nelle condizioni più dignitose, più in conformità con la loro natura umana». Ma in un’economia in transizione verso il socialismo, come quella su cui Preobraženskij riflette, si è ancora nell’impero della necessità. Le «leggi dell’attività sociale» non sono soppresse, ma sono trasformate nel senso di un controllo della società sui suoi obiettivi e priorità.

Un esempio leggermente riduttivo di Preobraženskij

Tuttavia, l’esempio specifico che Preobraženskij fornisce per contrastare il diverso funzionamento di queste leggi è probabilmente un po’ limitato. Inizia da un aumento della domanda di scarpe in pelle. Nel regime capitalista, spiega, l’adeguamento tra domanda e offerta viene effettuato in seguito, ma per fortuna «la sproporzione è in una direzione o nell’altra». D’altra parte, in un’economia pianificata, questo aumento della domanda sarà registrato «in precedenza», non attraverso il mercato, ma grazie alle «colonne di cifre della contabilità socialista […] che sono state portate all’attenzione dei centri pianificatori».  Questa presentazione è abbastanza insufficiente e si sarebbe quasi tentati di deridere tali illusioni evocando gli scaffali vuoti nei negozi sovietici. Ovviamente, questa sarebbe una lettura anacronistica, abbastanza sterile e ingiusta perché il libro di Preobraženskij è, al contrario, molto ricco.

Qui è meglio delineare la discussione sulla base delle carenze rivelate da questa dimostrazione di Preobraženskij, approfittando dei successivi dibattiti sul socialismo. La debolezza del suo ragionamento risiede principalmente nella scelta di un bene di consumo. Il fatto che il suo prezzo possa fluttuare sul mercato è fondamentalmente un aspetto secondario della critica che può essere diretta al capitalismo. La critica essenziale deve essere più fondamentale e collegata al fatto che una classe sociale ha il privilegio, conferito dall’appropriazione del surplus, di definire le priorità sociali. Scegliendo di investire in questa o quell’area, i capitalisti decidono sulla traiettoria della società e la modellano in base ai propri interessi. L’altra caratteristica fondamentale del capitalismo è, ovviamente, quella di trasformare i lavoratori in proletari e sottoporli ai desideri dei padroni. Ma in ogni caso, è curioso che il testo di Preobraženskij sia limitato all’equilibrio tra domanda e offerta a breve termine, mentre la vera differenza tra capitalismo e socialismo è potenzialmente nelle sue diverse dinamiche.

Prezzo e mercato: quale calcolo economico?

Tuttavia, possiamo continuare la riflessione sui beni di consumo. Preobraženskij pone una domanda teorica impegnativa chiedendo se prezzo e mercato debbano ancora esistere in un’economia socialista completamente sviluppata. Per lui, questa domanda sembra essere equivalente a un’altra, che consiste nel chiedere se la legge del valore continuerà a prevalere o dovrebbe scomparire. Questa doppia domanda solleva la questione di cosa significhi esattamente la «legge del valore». La risposta più elementare è che la legge del valore, come la comprende Marx, stabilisce che il valore di una merce dipende dalla quantità di lavoro socialmente necessaria per la sua produzione. Per estensione, implica come corollario che l’accumulazione di capitale è guidata dalla ricerca della sua massima valorizzazione. La logica conclusione è che la legge del valore può decadere «in un’atmosfera di abbondanza» per usare l’espressione di Mandel nella sua introduzione al libro di Preobraženskij. Nella misura in cui l’elaborazione di un modello di socialismo non può basarsi sull’ipotesi dell’abbondanza, significa che la legge del valore non viene abolita e che rimane la necessità di un calcolo economico, ma basato su un altro modo di definire le opzioni sociali. Preobraženskij avrebbe potuto citare un altro passaggio dell’Anti-Dühring, in cui Engels fornisce alcuni suggerimenti:

«Naturalmente, la società sarà costretta a sapere anche quanto lavoro è necessario per produrre ogni oggetto d’uso. Dovrai elaborare il piano di produzione in base ai mezzi di produzione, di cui le forze di lavoro fanno parte in particolare. Dovrai elaborare il piano di produzione in base ai mezzi di produzione, di cui le forze di lavoro fanno parte in particolare. Questi sono, dopo tutto, gli effetti utili dei vari oggetti d’uso, misurati l’uno contro l’altro e in relazione alle quantità di lavoro necessario per la loro produzione, che determineranno il piano. Le persone risolveranno tutto molto semplicemente senza l’intervento del famoso valore»

La «ponderazione degli effetti utili» consentirà quindi di rinunciare al «famoso valore», ma sarà comunque necessario sapere «quanto lavoro è necessario per produrre ogni oggetto d’uso». Il calcolo economico quindi non scompare e il «famoso valore» in questione qui si riferisce al modo in cui il capitalismo alloca le risorse in base agli interessi privati. Pertanto è necessario condividere la posizione dell’economista polacco Włodzimierz Brus, che ha proposto di «respingere risolutamente» l’assimilazione tra categorie mercantili e monetarie e la legge del valore:

«Quando i modelli statali, tramite il piano, le proporzioni della produzione sociale e dei prezzi, il fatto che si manifestino le categorie monetarie e di mercato non può più essere definito come un “uso della legge del valore”, in particolare se le relazioni di prezzo si discostano dalle relazioni di valore non come un fenomeno accidentale e momentaneo, ma come l’effetto di una politica consapevole»

Kantorovič e la massimizzazione del benessere

Leonid Vital’evič Kantorovič (1912-1986) fu un matematico ed economista sovietico (l’unico a ricevere il “premio Nobel” per l’economia nel 1975). Ha formalizzato in termini matematici le modalità di questo nuovo calcolo economico: il “programma” di un’economia socialista mira a produrre, con le risorse disponibili, la maggior quantità possibile di una varietà di prodotti in conformità con le proporzioni stabilite direttamente dalla società e che esprimono le sue preferenze.

Il principio di “redditività”, e quindi il calcolo economico, non scompare, ma il suo ruolo è subordinato: «nella società socialista, un’alta redditività non deve essere un obiettivo in sé (come nel capitalismo) ma un mezzo per ottenere il miglior risultato o il minimo delle spese, per l’intera società. Di conseguenza, le applicazioni di questo principio [subordinazione] alle esigenze della migliore realizzazione degli obiettivi del piano generale». Questo processo di massimizzazione porta al calcolo di pseudo-prezzi che Kantorovič chiama «valutazioni determinate oggettivamente» che svolgono un ruolo diverso rispetto ai prezzi nel capitalismo. Nel capitalismo, il «segnale del prezzo» è un indicatore di redditività; nel socialismo è un indicatore di utilità sociale. La differenza essenziale tra capitalismo e socialismo, quindi, risiede nella modalità di allocazione delle risorse e principalmente nell’allocazione del surplus. Questa differenza non è stata compresa e Kantorovič è stato erroneamente presentato come una sorta di teorico ottimale sovietico, ad esempio da Pierre Naville.

Non cambiano solo le modalità di calcolo economico, ma la loro stessa funzione. Sotto il capitalismo, è il requisito della massimizzazione del profitto che determina verso quali settori l’economia dirigerà lo sforzo di investimento: le priorità di sviluppo sociale sono limitazioni al calcolo economico (sebbene sia ancora necessario che i beni prodotti corrispondano a una domanda sociale). Al contrario, il socialismo è definito come il controllo esercitato dalla società nel suo insieme sulle proprie priorità, alle quali il calcolo economico è ora subordinato. In una società razionale, il bisogno non sarebbe più una condizione priva di contenuto che garantisce la realizzazione di valore: l’intensità del bisogno definisce una gerarchia in linea con le priorità della società. Nel capitalismo, al contrario, l’obiettivo è la massimizzazione del profitto e la proporzione con cui vengono offerti diversi beni è un sottoprodotto, e non un vincolo, del processo di massimizzazione.

Democrazia socialista, principio di regolamentazione dell’economia socialista

Nonostante il suo formalismo, la presentazione di Kantorovič ha il vantaggio di evidenziare la dissociazione che il modo di operare dell’economia socialista presuppone. I suoi obiettivi sono determinati in qualche modo extra-economico, al contrario delle leggi del mercato capitalista che, pur garantendo la regolamentazione, modellano i propri fini in un processo che non è controllato socialmente. La possibilità stessa di questa dissociazione si basa su quella che potrebbe essere chiamata l’ipotesi della democrazia socialista: per funzionare secondo questa logica superiore, la società deve aver avuto i mezzi per oggettivare le proprie scelte collettive attraverso un piano democraticamente approvato, altrimenti il calcolo economico funzionerà in base a dati falsi. Anche senza menzionare la dittatura burocratica, il fallimento economico dei paesi dell’Europa Orientale è fondamentalmente dovuto al fatto che i meccanismi che consentono al capitalismo di funzionare sono stati soppressi, senza mettere in atto le condizioni necessarie per l’esistenza del socialismo, ovvero la democrazia socialista.

La ragione per cui l’economia gioca un ruolo sproporzionato nel sistema capitalista è perché non si limita a selezionare i mezzi, ma piuttosto contribuisce centralmente a rivelare, selezionare e calibrare i fini, mentre il socialismo corrisponderebbe a una riduzione della sfera dell’economia, strettamente limitata a una funzione di adeguamento dei mezzi ai fini determinati altrove. Preobraženskij aveva insistito particolarmente su questo cambiamento, quando spiega:

«Con la scomparsa della legge del valore nel regno della realtà economica, scompare anche la vecchia economia politica. Una nuova scienza ora prende il suo posto, la scienza della previsione del bisogno economico in un’economia organizzata, la scienza per ottenere ciò che è necessario nel modo più razionale. È una scienza molto diversa, è la tecnologia sociale, la scienza della produzione organizzata, del lavoro organizzato, la scienza di un sistema di rapporti di produzione in cui i regolamenti della vita economica si manifestano in nuove forme, dove non c’è più oggettivazione dei bisogni umani, dove il feticismo della merce scompare con la merce»

Il problema dell’efficacia di un’economia socialista non è, quindi, tecnico-economico, ma eminente e direttamente politico. Le priorità che la società stabilisce per sé sono determinate in modo extra-economico e sono imposte come obiettivi alle leggi della tecnica economica, mentre, al contrario, i fini sociali del capitalismo appaiono solo in seguito, come sottoprodotto delle transazioni commerciali.

La democrazia è quindi la condizione stessa del funzionamento di tale organizzazione sociale, e questa concezione porta a un approccio diverso all’articolazione tra piano e mercato.

Bollettino Culturale

2 Replies to “Il calcolo economico e il socialismo”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.